Di Maio. Con il Pd non voglio averci nulla a che fare. Lega mente su Ue, c’era ok poi si sono ritirati

260

Agenpress – “Io col Pd non voglio averci nulla a che fare”. Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio a proposito dell’eventualità di un cambio di maggioranza che vedrebbe il Movimento 5 stelle allearsi con il ‘dem’. “Sono sicuro dell’esecutivo e ritengo anche ingiusto che si minacci una crisi di governo”.

“Sono sempre stato leale a questo governo  e sono stato sicuramente il capo politico della forza politica che ha attaccato di più il Pd”.

“Soprattutto  col partito che fa parte dello scandalo di Bibbiano non voglio avere nulla a che vedere, con i bambini tolti ai genitori e addirittura sottoposti a elettroshock e mandati ad altre famiglie, ciò di cui si è macchiato il sindaco di Bibbiano”.

“Noi siamo stati responsabili perché vogliamo far contare l’Italia. Ora, il colmo è che Lega voglia il commissario europeo, noi li sosterremo se saranno in grado di ottenerlo, ma se tu ti isoli e voti contro la presidente della Commissione e poi le vai a chiedere di nominare un leghista come suo vice, c’è qualche difficoltà”, ha aggiunto  dopo il ‘no’ della Lega alla tedesca Ursula von der Leyen, eletta anche col voto dei Cinque Stelle alla presidenza dell’esecutivo Ue.

“C’era un accordo per cui la Lega avrebbe votato Ursula Von der Leyen in cambio di un Commissario. Hanno capito che non avrebbero avuto il Commissario europeo e si sono ritirati. Con l’accusa che lancia al M5s la Lega sta mentendo”.