Giappone. Kyoto, incendio in uno studio di animazione. Almeno 23 i morti

122

Agenpress – E’ di 23 morti il bilancio dell’incendio scoppiato all’interno di uno studio di animazione a Kyoto, in Giappone. Lo riferiscono i vigili del fuoco.

Qualcuno è riuscito a uscire ma più della metà degli impiegati è rimasta bloccata nell’edificio a tre piani. Della trentina di feriti alcuni sono in condizioni critiche. Ci sono ancora dei dispersi, e il bilancio delle vittime potrebbe aggravarsi ulteriormente. Le immagini del rogo sono impressionanti.

Le fiamme sono scoppiate quando un uomo non identificato di 41 anni, che poi è stato ferito, arrestato e sarà interrogato in ospedale, ha lanciato liquido incendiario nel locali della Kyoto Animation, studio di produzione di anime e manga. Non sono chiare le ragioni del gesto.

La polizia ha arrestato un uomo di 41 anni che è penetrato nella struttura e che ha appiccato il fuoco utilizzando un liquido infiammabile.

ll portavoce del dipartimento dei pompieri di Kyoto, Satoshi Fujiwara, ha detto che le prima dodici vittime si trovavano al primo e secondo piano del palazzo, altre erano intrappolate al terzo piano. ll palazzo è distrutto, decine i mezzi dei pompieri accorsi. Due ore dopo l’inizio dell’incendio, le fiamme non erano state ancora domate.

La polizia riferisce che molti corpi sono stai trovati al secondo piano dell’edificio della Kyoto Animation, una società fondata nel 1981, e che i vicini hanno sentito una serie di esplosioni seguite da potenti fiammate. Un uomo di 41 anni, considerato il responsabile dell’incendio, risulta tra i circa 36 feriti, ed è stato trasferito in ospedale.