Salvini minaccia Di Maio. “Basta coi ʼnoʼ oppure cambia tutto”. Fondi russi? Cosa dirà Conte?

148

Agenpress – “Le cose si fanno o non si fanno e la Lega va avanti. Ma se dovessero arrivare altri tre no, allora cambia tutto”. E’ l’avvertimento lanciato dal vicepremier Matteo Salvini al collega M5s Luigi Di Maio. Sul caso dei presunti fondi russi, il ministro dell’Interno conferma che si recherà in Parlamento “a ribadire quello che ha sempre detto”, chiedendosi però “cosa mai debba riferire il premier Conte sulla Russia”.

Salvini si dice tranquillo. “Possono cercare quello che vogliono, ma non trovano un euro, un dollaro, nulla”.

Salvini prende di mira anche Giuseppe Conte: “Ribadisce ogni giorno che è il presidente del Consiglio. Chi l’ha mai messo in dubbio? Io non mi alzo la mattina dicendo ‘Matteo sei il ministro dell’Interno, accidenti!'”.

Poi sul voto Ue attacca ironicamente: “Il commissario all’Italia spetta per legge e la Lega ha preso il doppio dei voti degli altri. Ma se i voti non contano, lo sceglieremo su Rousseau”. “Mi auguro  che il loro voto a Merkel e Macron non significhi una Manovra alla Monti”.

Di Maio  mercoledì, aveva rimandato al mittente le continue accuse della Lega, affermando che finora gli unici “no” sono stati quelli del Carroccio e che “siamo disponibili anche a votare la Flat tax ma ancora non c’è stato mostrato un piano sulle coperture”.