La Rai rischia una multa pari al 3 per cento del suo fatturato

239

Agenpress. La richiesta di sanzione è stata formalizzata da Mario Morcellini, uno dei quattro componenti del massimo organo decisionale dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom).

L’Autorità si è mossa dopo che un servizio del Tg2, il 19 maggio 2019, ha denunciato gli effetti negativi dell’immigrazione in Svezia. Servizio contestato, per i suoi “errori”, dall’Ambasciata di Svezia a Roma.

A giudizio di Morcellini, la Rai – anche attraverso questo servizio del Tg2 – avrebbe violato il Testo unico delle Comunicazioni (che raccoglie tutte le norme di legge del settore tv) e il Contratto di Servizio che fissa gli impegni del servizio pubblico televisivo verso gli italiani. In ragione di questa presunta violazione, in base all’articolo 48 del Testo unico, la Rai meriterebbe questa severa multa.