GB. Boris Johnson è il successore di Theresa May. Eletto nuovo leader dei Tory

224

Agenpress – Boris Johnson è il nuovo leader dei Tory, il Partito Conservatore inglese, e da domani diventerà automaticamente primo ministro britannico, quando l’attuale premier Theresa May rassegnerà le dimissioni da capo del governo nelle mani della Regina – dopo il suo ultimo Question Time di rito alla Camera dei Comuni – e la sovrana potrà così convocare il nuovo venuto per chiedergli di formare il governo.

L’ex ministro, 55 anni, super favorito alla vigilia, ha sconfitto grazie al voto degli iscritti al partito lo sfidante Jeremy Hunt, ministro degli Esteri in carica. Johnson, da sempre forte sostenitore della Brexit, prenderà quindi possesso del numero 10 di Downing Street domani pomeriggio, per completare la sua compagine fra giovedì e venerdì. Non è richiesto un voto di fiducia iniziale obbligatorio.

“Boris”, nasce a New York il 19 giugno 1964. Figlio di genitori inglesi (al tempo il padre Stanley Johnson era studente alla Columbia University), Boris ottiene dunque fin dalla nascita la doppia cittadinanza inglese e americana, in base allo ius soli in vigore negli USA. L’infanzia di Boris è divisa tra la Gran Bretagna, gli Stati Uniti (in cui il padre lavora per alcuni anni alla Banca mondiale) e Bruxelles, dove la famiglia si stabilisce quando Stanley diventa funzionario della Commissione europea. Boris studia prima a Eton, uno dei più prestigiosi college inglesi, e successivamente all’università di Oxford. Qui si sta formando in quegli anni una generazione di figure che hanno poi avuto ruoli centrali nelle vicende politiche recenti del Partito conservatore: tra gli altri l’ex primo ministro David Cameron, il ministro dell’ambiente Michael Gove e Jeremy Hunt, attuale sfidante di Johnson alla segreteria dei Conservatives.

Dopo la laurea, Boris Johnson inizia una carriera giornalistica che lo porterà in breve tempo a diventare una delle voci più riconoscibili nel dibattito pubblico dello UK. Il primo impiego è come tirocinante al The Times, da cui però viene licenziato con l’accusa di avere inventato una dichiarazione riportata in un suo articolo. Boris passa quindi al Daily Telegraph, per il quale è corrispondente da Bruxelles dal 1989 al 1994, diventando uno dei primi giornalisti “euroscettici”. Negli anni in cui Jacques Delors è presidente della Commissione europea, Johnson è una delle voci più critiche verso la nascente Unione europea: se da un lato si attira accuse di giornalismo inaccurato, dall’altro è una voce influente e divisiva nel dibattito politico britannico, i cui articoli contribuiscono ad approfondire le divisioni tra l’ala filoeuropea e quella euroscettica del Partito conservatore.

Nel 2001 Johnson viene eletto al parlamento inglese tra le fila dei conservatori. A Westminster, Boris è una voce fuori dal coro nello schieramento dei Tories: come già emerso durante i suoi anni da giornalista, e al netto di prese di posizione a tratti incoerenti e dichiarazioni scandalose, Johnson si trova infatti spesso su posizioni più “liberal” rispetto al suo partito su temi quali immigrazione e diritti civili. Rimane deputato alla Camera dei Comuni fino al 2008 quando, per la sorpresa di molti (anche tra i conservatori), Johnson viene eletto sindaco di Londra. Da primo cittadino, Johnson rimane sostanzialmente nel solco tracciato dal suo predecessore, il laburista Ken Livingstone; introduce comunque alcune novità, come il sistema di bike sharing cittadino e un salario minimo più alto. Viene rieletto per un secondo mandato nel 2012, nell’anno in cui la capitale britannica ospita le olimpiadi. Al temine del suo incarico, nel 2016, il 52% dei londinesi è soddisfatta di Jonhson e ritiene che abbia fatto “un buon lavoro”.

Rientrato in parlamento con le elezioni del 2015, Johnson diventa una delle figure più importanti a favore del “Leave” nella campagna elettorale per il referendum su Brexit. Con la vittoria del suo schieramento, Johnson viene nominato Foreign Secretary (Ministro degli esteri) nel governo di Theresa May. La rottura con la premier May arriva però nel luglio 2018, quando Johnson si dimette da ministro per protesta contro il “Chequers agreement”, un documento elaborato dal governo britannico che detta la linea per i negoziati su Brexit, e in opposizione all’atteggiamento tenuto dalla premier nei confronti dell’Unione europea. Da quel momento inizia il conto alla rovescia verso una decisione che in molti attendevano da anni ma che mai si era concretizzata: la candidatura di Johnson alla guida del Partito conservatore. A maggio 2019 alla vigilia delle dimissioni di May, Johnson ufficializza la sua corsa alla leadership dei Tories. In un dibattito sempre più polarizzato tra “Brexiteers” e filoeuropei, Johnson scavalca tutti gli altri contendenti promettendo di tenere aperta l’opzione di una uscita senza accordo del Regno Unito dall’UE e rifiutando l’accordo sul “backstop” irlandese. Il 23 luglio viene annunciato il vincitore delle primarie, in cui hanno votato 160 mila iscritti al Partito conservatore: Boris Johnson è il nuovo segretario – e dunque il prossimo primo ministro inglese. È il coronamento di un progetto politico che Boris Johnson ha coltivato per 40 anni e che lo vede insediarsi al 10 di Downing Street in uno dei momenti più delicati della storia recente del Regno unito.