Lancini interroga la Malmström sull’accordo Ue/ Mercosur

365

Agenpress. “In qualità di membro della Commissione Commercio Internazionale (INTA) del Parlamento Europeo, l’On. Danilo Oscar Lancini ha interrogato la Commissaria Malmström in merito alla proposta di trattato di libero scambio tra l’UE ed i paesi del MERCOSUR (Brasile, Argentina, Uruguay, Paraguay). Ad oggi infatti l’accordo negoziato, che andrebbe ad abbattere larga parte dei dazi attuali e allargherebbe le quote di esportazione in diversi settori, presenta diverse criticità e punti poco chiari.

Risultando indispensabili dei chiarimenti sul testo e sulle modalità di applicazione degli accordi proposti, l’On. Lancini ha posto diverse domande.

– In primo luogo, ha chiesto quali sono i controlli che l’UE intende implementare per garantire la qualità e la sicurezza delle merci importate e quali controlli specifici sono previsti nell’ambito dell’accordo, soprattutto per quanto concerne la verifica della compatibilità della filiera produttiva con gli standard europei.

A questo riguardo la Commissaria è stata evasiva, perché, pur specificando che i prodotti agroalimentari importati dovranno soddisfare gli standard di sicurezza UE, non ha voluto precisare modalità e frequenza dei controlli. Pertanto l’On Lancini continuerà a chiedere chiarezza in merito alle irrinunciabili garanzie per consumatori e imprese, sia sui prodotti che sulla filiera di produzione, a difesa della sicurezza alimentare, ambientale e di eque condizioni di lavoro.

– L’On. Lancini si è poi voluto assicurare se verrà garantita la protezione dei diritti di proprietà intellettuale nel settore farmaceutico. La Commissaria ha riferito che la collaborazione istituzionale in tema di brevetti sarà estesa e che il testo include un invito ad aderire al Trattato di cooperazione sui brevetti (PCT) a quei paesi che non lo hanno ancora fatto.

Nonostante le rassicurazioni, si tratta comunque di un rapporto da costruire e quindi si devono ottenere impegni precisi dagli Stati del MERCOSUR.

– L’On. Lancini, vista l’importanza e l’eccellenza dell’impresa italiana del mobile, ha altresì chiesto se tale settore è incluso negli accordi. La Commissaria ha confermato che per quanto riguarda il settore del legno-arredo, gli impegni di liberalizzazione da parte del MERCOSUR raggiungono il 90% delle esportazioni UE esistenti.

– Infine, l’On. Lancini ha chiesto di spiegare il funzionamento del pacchetto di sostegno da 1 miliardo di euro per il settore agricolo a cui aveva fatto riferimento in precedenza anche il Commissario alla partita Hogan. La Commissaria Malmström ha dichiarato che questa misura sarà utilizzata esclusivamente nel caso che l’attuazione dell’accordo comporti distorsioni del mercato, ma secondo l’On. Lancini si tratta di un evidente autogol della Commissione perché fra le righe ammette che il trattato non si rivelerebbe vantaggioso per gli agricoltori europei.

Alla luce di quanto emerso, l’On. Lancini conferma il proprio impegno a seguire con grande attenzione l’iter di questo importante provvedimento ed un costante rapporto con il territorio per rappresentare e difendere al meglio i progetti e le necessità di aziende e produttori del nostro paese.