Bergamo. Travolti da auto dopo lite: morto anche Matteo. Donati gli organi

368
Matteo a destra della foto, e Luca, speronati dopo una lite in discoteca a Orio al Serio.

Agenpress – E’  morto anche Matteo Ferrari, l’altro giovane travolto nella notte tra sabato e domenica, mentre era in scooter con l’amico,  Luca Carissimi, dall’auto guidata da Matteo Scapin, che li ha speronati dopo una lite in discoteca a Orio al Serio. Scapin è ora in cella per omicidio volontario. Matteo e Luca avevano 21 e 18 anni. I genitori di Ferrari hanno acconsentito al prelievo degli organi.

Matteo era ricoverato in condizioni disperate per le ferite riportate nell’incidente di sabato notte costato la vita all’amico ventunenne, per il quale non c’è stato più nulla da fare subito dopo l’arrivo con l’ambulanza del 118 allo stesso ospedale di Bergamo. Tutti e due abitavano nello steso quartiere di Borgo Palazzo e l’altra sera erano usciti insieme per andare a ballare.

A travolgere i due amici, che erano in sella a uno scooter, è stato Matteo Scapin, un trentatreenne con il quale Luca e Matteo pare avessero avuto, poco prima, una lite in discoteca. All’uomo, ora in carcere, inizialmente è stato contestata l’accusa di omicidio stradale. Ma in seguito alla ricostruzione della dinamica da parte della polizia stradale di Bergamo e’ mutata in omicidio volontario per aggravarsi nelle ultime ore in duplice omicidio volontario.

Poco prima dell’investimento, avvenuto tra Orio al Serio Azzano San Paolo, tra il trentatreenne e i due giovani c’era stata dunque una lite all’interno della discoteca Setai, che si trova proprio a Orio al Serio, non distante dall’aeroporto. Poi i due si erano allontanati su una Vespa 125, mentre Scapin con la sua Mini li ha inseguiti. Poche centinaia di metri dopo, il drammatico scontro.

Alcune telecamere collocate sulla strada teatro della tragedia mostrerebbero la Mini che affianca la Vespa su cui viaggiavano Luca e Matteo. La ricostruzione di ciò che è accaduto alle prime luci dell’alba di domenica, erano le 4, ha ancora però qualche aspetto da chiarire.

È confermato che il litigio tra i ragazzi sia cominciato all’interno della discoteca e che tutto sarebbe iniziato per degli apprezzamenti da parte di Luca alla ragazza di Scapin. Un alterco continuato poi fuori dal locale e conclusosi tragicamente con l’inseguimento verso Azzano San Paolo e il presunto speronamento della Vespa. Non ancora chiaro il motivo per cui il lunotto posteriore della Mini fosse distrutto e chi lo abbia ridotto così.

L’automobilista è stato portato in carcere domenica sera dopo un ricovero in ospedale: era stato infatti colto da una crisi di nervi quando gli inquirenti gli hanno illustrato la sua situazione, dopo che si era costituito. E’ ora a disposizione del pubblico ministero Raffaella Latorraca, titolare dell’inchiesta.