Manovra, Pastorino (Leu): governo dei tavoli ma mancano ingredienti

513

Agenpress. “Prima un tavolo con il ministro dell’Interno, poi un altro con il presidente del Consiglio e altri ministri, poi un altro incontro ancora al Viminale a distanza di poche ore. Sulla manovra si vede una preoccupante confusione e sovrapposizione dei ruoli, che lascia presagire a un autunno costellato da promesse e litigi inconcludenti tra Salvini e Di Maio con Conte preso nel mezzo. Insomma, questo è il governo dei tavoli, ma a cui mancano gli ingredienti, ossia progetti seri, per realizzare le misure necessarie al Paese”.

Lo dichiara il deputato di èViva, Luca Pastorino, segretario di presidenza alla Camera per Leu, parlando dell’incontro al Viminale con le parti sociali.

“Questa manovra – aggiunge Pastorino – sarà decisiva per risollevare il Pil e l’occupazione dell’Italia. Serve una maggioranza disposta ad ascoltare senza pregiudizi le proposte dell’opposizione. Ed è necessario un serio piano di investimenti e misure a sostegno dell’economia, puntando sulla ricchezza offerta dalla green economy.

Con queste premesse anche l’Unione europea potrebbe ragionare sulla flessibilità. Purtroppo, però, i segnali non sono positivi sul tema del confronto: Lega e 5 Stelle fanno fatica anche a parlare tra di loro, perché preferiscono fare propaganda”.