Salvini. Sicurezza bis è un passo avanti per l’Italia. Salario minimo? Prima taglio delle tasse

267

Agenpress –  “Una vittoria della Lega? No, è un passo in avanti verso un Italia più sicura”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini a Radio24, spiegando di non voler “regalare agli italiani altri mesi di litigi, polemiche, insulti. Sulla Tav si è perso anno, così come sulla Riforma della Giustizia o sull’Autonomia. Sul taglio delle tasse il dibattito è infinito. Se dovessi ritenere che non c’è più strada, non ne faccio una questione personale, bisogna prenderne atto”.

“Pene eccessive nel Dl per Ong e per i cortei? Aumentano le pene per chi aggredisce le forze dell’ordine usando mazze, bombe carta, caschi e andando in giro col volto coperto. Quindi non riguarda l’operaio che protesta per la crisi aziendale o lo studente che va in corteo. non è una limitazione della democrazia, è una tutela delle forze dell’ordine. Per quanto riguarda le ong, c’è la multa e il sequestro dell’imbarcazione in caso di reiterato mancato rispetto delle leggi italiane o internazionali”.

“Salario minimo proposto dal M5s? Prima viene il taglio delle tasse. Prima di ridistribuire bisogna crearla la ricchezza. Meglio tagliare il cuneo fiscale della flat tax? L’importante è che ci siano più soldi in busta paga e meno carico fiscale per le imprese”.