Fabrizio Cicchitto (ReL): Forza Italia, politica a zigzag di Berlusconi ha consegnato enorme spazio a Salvini

381

Agenpress. Nel 2013 l’esplosione politica del Movimento 5 stelle, mentre Forza Italia perse 6 milioni di voti e il PD 3. Dal 2013 in poi Berlusconi ha guidato la corazzata Forza Italia come se fosse un side-car, sterzando a destra e a sinistra: prima scelse la presenza nel governo Letta con la dichiarazione che ci sarebbe rimasto anche in caso di una sua condanna, dopo pochi mesi ruppe con il governo e provocò la frattura dello stesso PDL (Alfano e NCD), ma solo due mesi dopo fece il patto del Nazareno con il PD, il patto durò un anno, ma poi fu rotto sull’elezione di Sergio Mattarella e con il rovesciamento della posizione sulle riforme: fu allora, a mio avviso, che Berlusconi e Renzi si sono suicidati.

Tutto ciò è avvenuto con la rottura di larga parte del gruppo dirigente tradizionale e con l’affermazione di un ristretto cerchio magico guidato dall’on. Ghedini. Ma attraverso questi continui zigzag nella linea politica Berlusconi ha consegnato un enorme spazio politico a Salvini che ha portato avanti una linea politica organica forte, aggressiva, anche se per quello che riguarda tutt’altro che condivisibile per il suo sovranismo e il suo modo di far politica.

Lo scrive Fabrizio Cicchitto, presidente di Riformismo e Liberta’, ex presidente della commissione affari esteri della Camera oggi dalle pagine di Libero Quotidiano.