Hong Kong. Trump chiede un incontro con Xi. Blindati e soldati cinesi al confine

136

Agenpress .  “Conosco molto bene il presidente cinese Xi. È un grande leader che ha molto rispetto per il suo popolo. È anche un brav’uomo in un ‘affare difficile’. Ho ZERO dubbi sul fatto che se il presidente Xi vuole risolvere rapidamente e umanamente il problema di Hong Kong, può farlo. Incontro personale?”.

Lo twitta il presidente americano Donald Trump a proposito della crisi a Hong Kong, suggerendo un incontro tra i due. Poi aggiunge che la Cina “vuole certamente un accordo” commerciale gli Usa, “ma prima lasciamoli lavorare con umanità su Hong Kong”.

Trump ritiene che il suo collega cinese Xi Jinping dovrebbe incontrare di persona i manifestanti di Hong Kong. “Se il presidente Xi incontrasse direttamente e personalmente i manifestanti, ci sarebbe una conclusione lieta e illuminata al problema di Hong Kong. Non ho dubbi!”, ha scritto ancora via Twitter.

Migliaia di uomini della polizia militare cinese hanno sfilato in uno stadio a Shenzen, al confine con Hong Kong. Nello stadio, secondo quanto accertato da un cronista dell’agenzia France Presse, ci sono anche veicoli armati per il trasporto di truppe, il che accresce i timori di un intervento militare cinese nel territorio. Questo sfoggio di mezzi e potenza militare – anticipato dallo stesso regime – arriva dopo più di 10 settimane di proteste pro-democrazia nell’ex colonia britannica, spesso sfociate in violenti scontri tra i manifestanti e la polizia. Domenica è prevista una nuova manifestazione e si teme che in quella occasione Pechino possa usare la forza come ha più volte minacciato.

La Cina non “starà a guardare” ed è pronta a “reprimere i disordini rapidamente” se la crisi di Hong Kong diventa “incontrollabile”, ha ribadito l’ambasciatore cinese a Londra, Liu Xiaoming. “Se la situazione peggiora ulteriormente in disordini incontrollabili da parte del governo il governo centrale non resterà a guardare. Abbiamo abbastanza soluzioni e abbastanza potere per reprimere i disordini rapidamente”.