Geolocalizzazione in montagna? UNCEM: “Utopia visto che i telefoni non prendono nel 20% del Paese”

269

Agenpress. “Uncem si unisce al cordoglio della famiglia e degli amici del giovane francese ritrovato nelle scorse ore senza vita in un dirupo del Cilento.

La tragedia sta spingendo tutti a occuparsi della geolocalizzazione, non possibile oggi visto che la tecnologia ‘Advanced Mobile Location’ non è ancora in servizio in Italia. Il punto vero è diverso.

Simone una telefonata al 112 era riuscito a farla, ma in altri territori, almeno nel 20 per cento del Paese, Alpi e Appennini in particolare, il problema della sicurezza è legato al fatto che una telefonata non riesci a farla. Perché i telefoni non prendono. E i Sindaci lo sanno bene, continuano a ripeterlo alle compagnie telefoniche. Senza nuovi ripetitori, sempre più parti d’Italia, molto frequentate da escursionisti, restano senza segnale. Uncem le vuole mappare e l’analisi è in corso.

Tutti possono segnalare le zone dove i telefoni non prendono a uncem.nazionale@uncem.it. Il problema della sicurezza e il diritto all’accesso ai servizi di comunicazione sono prioritari. Anche per la futura, non troppo, geolocalizzazione, e per salvare vite umane”.

Lo afferma il Presidente nazionale Uncem, Marco Bussone.