Cicchitto (ReL): Consultazioni, se il PD non ingabbia Zingaretti tutti gli esiti sono in campo. Spiace FI in panchina

242

Agenpress. Il Pd è in una situazione assai complessa, è un autentico nido di vipere: o la maggioranza del gruppo dirigente, che al di là delle sue solite differenze è unito per evitare le elezioni e per fare un governo di legislatura, riesce a ingabbiare davvero Zingaretti e a costringerlo a ricercare un accordo, oppure per un segretario di partito che conduce in prima persona una trattativa, è un gioco da ragazzi farla saltare per aria, specie considerando la natura imprevedibile dei grillini.

In questo terribile generale Agosto, Salvini ha perso una serie di battaglie ma i risultati della guerra sono aperti a qualunque sbocco, anche alla vittoria, che per lui consiste nelle elezioni anticipate. Lo scrivo senza provare affetto per il leader leghista. In questa folle partita tutti hanno giocato la loro battaglia. Gli unici che non sono scesi in campo ma sono rimasti negli spogliatoi sono gli azzurri di Forza Italia. Un vero peccato.

Lo scrive Fabrizio Cicchitto, presidente di Riformismo e Liberta’, ex presidente della commissione affari esteri della Camera oggi dalle pagine di Libero Quotidiano.