Crisi di Governo. Coinvolti anche il Crocifisso, la Madonna e tutta la Corte Celeste

428

Agenpress. Molti rimpiangono Berlusconi, il quale è certo che, nonostante le accese accuse di “frivolezza” rivoltegli, riacquisti autorevolezza di fronte allo “show” disarmante a cui hanno dato vita i partiti politici che, fino a pochi giorni fa, governavano l’Italia. I personaggi coinvolti nella crisi politica sono tanti e,  fra essi – ahimé – anche il Crocifisso, la Madonna e tutta la Corte Celeste, non solo i poveri mortali politici, sfiancati dal caldo agosto.

Che dire poi della rivolta dei social che prima osannavano Salvini come il salvatore del popolo italiano ed ora gli lanciano addosso,  metaforicamente, pomodori a iosa.

Il popolo italiano è sconvolto, ma non rinuncia a ridere perché ha l’impressione di assistere al film “Il grande dittatore”, in cui Charlie Chaplin, nelle vesti di Hitler, palleggiava il mappamondo, sognando di dominare il mondo.

Tra satira, politica e fantapolitica, si agitano gli animi degli uomini di potere.  Peccato che a farne le spese siano gli italiani!

La sfiducia e poi la fiducia data al governo da Matteo Salvini di cosa è testimonianza?

Scarsa coerenza o idee poco chiare?

Staremo a vedere tuttavia vi chiediamo “cari politici” non fateci ridere e soprattutto non fateci piangere, ponendoci di fronte a scenari davvero raccapriccianti. Non è pedagogico unire il sacro al profano, la politica alla superstizione. La religione cristiana non è ostentazione di una coroncina di rosario “pro domo sua”.

Il popolo italiano è un popolo emancipato moralmente e politicamente e, pertanto, resta perplesso di fronte al decadimento dei valori, ostentato da alcuni politici.

Vincente è l’Italia moderata che fa proprio il decoro della coerenza e della cultura che non si abbassa al livello della superstizione, che umilia ogni forma di religione e, nel caso specifico, la religione cristiana. Sentiamo il dovere di affermare che chi rappresenta una nazione ha l’irrinunciabile compito morale e costituzionale di rappresentarne i valori più elevati .

Biagio Maimone