Amazzonia. L’appello del Papa. Fermare le fiamme, la foresta è vitale per il nostro pianeta

1068

Agenpress“Siamo tutti preoccupati per i vasti incendi che si sono sviluppati in Amazzonia. Preghiamo perché, con l’impegno di tutti, siano domati al più presto. Quel polmone di foreste è vitale per il nostro pianeta”

Lo ha detto oggi il Papa durante l’Angelus chiedendo  con forza l’impegno di tutti per fermare le fiamme che stanno devastando da mesi la foresta amazzonica e che negli ultimi giorni sono aumentate a dismisura, tanto da essere visibili dallo spazio con un’area coinvolta di oltre 2.250 chilometri quadrati, e da oscurare completamente con una nube di fumo denso il cielo di San Paolo del Brasile.

Proprio ieri è scattato il piano per fermare i roghi con il dispiegamento di oltre 44 mila soldati affiancati da mezzi aerei, navali e terrestri. Le aree boschive maggiormente colpite si trovano in Randonia, Bolivia, Brasile ma ora le fiamme hanno raggiunto anche il Paraguay. Il dramma ambientale, che avrà delle enormi ripercussioni sull’intero ecosistema mondiale, ha sollecitato oltre alla reazione di Papa Francesco, quella di molti capi di stato e di governo e ha dato il via alla mobilitazione internazionale di cittadini, scesi in strada contro il presidente brasiliano Bolsonaro che accusa gli stati limitrofi di “indifferenza”, fino ad arrivare ieri a Biarritz, in Francia sul tavolo del G7 che potrebbe prevedere sanzioni internazionali contro il Brasile.