Brexit: via libera del Parlamento. Battuto Boris Johnson

487

Agenpress – Il governo Tory di Boris Johnson è stato battuto ai Comuni nel primo, cruciale voto sulla legge anti-no deal sottoposta dagli oppositori per cercare di obbligare il premier britannico a chiedere all’Ue un nuovo rinvio della Brexit, in mancanza d’accordo, oltre il 31 ottobre.

L’aula ha dato l’ok – con 328 sì e 301 no – a una contestata mozione trasversale volta a togliere all’esecutivo il controllo del calendario e a mettere ai voti il testo domani. Fra i sì, con le opposizioni, quelli di vari ribelli Tory di spicco.

E’ iniziato l’ultimo braccio di ferro in vista dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. Johnson ha perso oggi la sua maggioranza a Westminster a causa del passaggio del deputato Tory Phillip Lee con i liberaldemocratici. ​Lee ha spiegato la sua defezione con il fatto che “il governo persegue una Brexit priva di principi” mettendo a rischio le vite e il benessere delle persone.