Vincitori IV tappa del Campionato Italiano Moto d’acqua 2019

930
Guidi-Andrea-foto-Paolo Gagliano

Una splendida giornata di sole ha accolto anche la domenica, della IV Tappa del Campionato Italiano Moto d’Acqua, Grand Prix Aquabike – Trofeo Regione Lazio, organizzato dalla Federazione Italiana Motonautica, unico riconosciuto dal CONI; Svoltasi ad Anzio sabato 7 e domenica 8 settembre 2019. Migliaia di persone anno seguito questa giornata, incollate ai lettini, sulla spiaggia dello splendido lungo mare, per ammirare l’arte dei tanti bikers, pluricampioni Italiani, europei e mondiali, che si sono sfidati sul campo gara.

Le gare si sono aperte con la seconda manche della categoria Runabout F4 – 10 minuti + 1 giro di gara. Le Runabout sono moto d’acqua grandi e potenti che si guidano da seduti. Sono le più diffuse in quanto utilizzabili anche da due persone, ovviamente solo nell’uso diportistico. Velocità oltre 130 km/h.

Il n .21 Paolo Paesani ha tenuto la testa della gara fin dalla partenza, seguito dal n. 9 Marcantonio Oliveri, seguito dal n. 6 Paolo Noris che si è conteso con il n. 70 Roberto Mariani, la terza e la quarta posizione costantemente. Paolo Paesani è stato in testa per tutta la gara, distanziando il Marcantonio Oliveri, a seguire Roberto Mariani, che ha tentato più volte di superarlo per conquistare la seconda posizione, ma non ci è riuscito.

La seconda manche è stata vinta da Paolo Paesani, al secondo posto si è posizionato Marcantonio Oliveri ed al terzo Roberto Mariani.

Questa quarta tappa di Campionato, per questa categoria Runabout F4, è stata vinta da Paolo Paesani, al secondo posto è arrivato Roberto Mariani, al terzo Marcantonio Olivieri.

La seconda gara della giornata è stata la seconda manche dell’Endurance 30 minuti + un giro. Partenza lanciata per questa categoria. Questa è la più dura delle discipline, i piloti si sfidano con moto d’acqua da 130 km/h, in un circuito basato esclusivamente sulla velocità e sulla durata; partecipano a questa categoria i piloti più allenati e pronti a resistere contro ogni avversità

Luca Vecchiori con il n .27 ha tenuto la testa della gara fin dall’inizio, seguito costantemente da Michele Cadei con il n. 5, al terzo posto a seguire Antonio Tadiello con il n.16, che si è distanziato notevolmente dagli altri due. A causa di guasti alle moto di Michele Cadei e di Luca Vecchiori, la manche è stata vinta da Antonio Tadiello, al secondo posto si è posizionato Luca Vecchiori ed al terzo Michele Cadei.

La tappa per la categoria Endurance è stata vinta da Luca Vecchiori, al secondo posto si è posizionato Michele Cadei ed al terzo Antonio Tadiello.

A seguire si è svolta la seconda manche della Runabout F 2 – 12 minuti + un giro. Il n. 98 Dino Pontecorvo, si è posto in testa alla gara fin dalla partenza, seguito dal n. 12 Fabrizio Pepe e dal n. 15 Gaetano Costagliola. L’assetto è rimasto costante per la maggior parte della gara, Pontecorvo ha distanziato Pepe mentre Costagliola cercava di recuperare la seconda posizione, non riuscendoci. La seconda manche è stata vinta da Sabato Pontecorvo, al secondo posto è arrivato Fabrizio Pepe ed al terzo Gaetano Costagliola.

La tappa per questa categoria è stata vinta da Fabrizio Pepe, al secondo posto si è posizionato Sabato Pontecorvo ed al terzo Gaetano Costagliola.

Terza gara della mattina è stata la seconda manche Ski F 2 – 12 minuti + un giro.  Moto d’acqua che si guidano in piedi; sono sicuramente le più tecniche da guidare, occorre un eccellente allenamento fisico e tanto equilibrio per essere un talento.

Fabrizio Calzi con il n 21, si è posizionato in testa, fin dall’inizio della gara, Andra Guidi con il n. 28 al secondo posto, ma a distanza, dietro di lui con un serrato inseguimento il n. 48 Matteo Benini, seguito dal n. 19 Daniele Piscaglia, che ha tentato di recuperare il terzo posto, non riuscendoci. La manche viene vinta da Fabrizio Calzi, al secondo posto si è posizionato Andrea Guidi ed al terzo Matteo Benini.

La tappa per questa categoria è stata vinta da Fabrizio Calzi, al secondo posto si è posizionato Andrea Guidi ed al terzo Matteo Benini.

 La mattinata si è conclusa con la gare uniche della Spark giovanile età 12 – 14 anni e 15- 18 anni  6 minuti + 2 giri, entrambe.

La gara unica della Spark giovanile 12 – 14 anni è stata vinta da Alessandro Fracasso, al secondo posto si è posizionato Daniele Brioschi ed al terzo Carolina Vernata.

La gara unica della Spark giovanile 15 -18 anni è stata vinta da Gaia Costacurta, al secondo posto Manuel Sciuto Rosario, al terzo Davide Pontecorvo.

 Nel pomeriggio le gare sono riprese con la seconde manche del Campionato Italiano di Moto d’Acqua Femminile categoria Runabout F 4 – durata di 10 minuti + un giro. La n. 9 Gaia Costacurta, si è posizionata in prima posizione ad inizio gara, seguita da Cristina Malucelli con il n. 44 e da Sara Nucera n. 17 ed a seguire Sonia Carrara con il n. 3.

Gaia Costacurta a causa di una caduta in acqua rallenta la sua corsa e passa in testa Cristina Malucelli passa, seguita dalla n.17 Sara Nucera, le segue, a molta distanza la n.9 Gaia Costacurta, che ha ripreso strada, a seguire la n. 3 Sonia Carrara.

La manche è stata vinta da Cristina Malucelli, al secondo posto è arrivata Gaia Costacurta, al terzo Sonia Carrara.

La Tappa per questa categoria vede sul podio al primo posto Sonia Carrara, al secondo Gaia Costacurta ed al terzo Cristina Malucelli.

A seguire si è disputata la seconda manche per le categorie Runabout F1/ Runabout F1 Veteran

Il n. 8 Mattia Fracasso si è posizionato in testa, fin dall’inizio della manche, a molta distanza da lui il n 16 Stefano Castronovo, seguito dal n. 69 Giuseppe Greco, tallonato da Pierpaolo Terreo con il n. 4, questi ultimi due si sono rincorsi a distanza ravvicinata, tentando di conquistare tutti la seconda e la terza posizione.

La manche per la categoria Runabout F1 è stata vinta da Mattia Fracasso, al secondo posto è arrivato Giuseppe Greco ed al terzo Stefano Castronovo.

La tappa è stata vinta da Mattia Fracasso, al secondo posto è arrivato Giuseppe Greco ed al terzo Pierpaolo Terreo.

La seconda manche della Runabout F1 Veteran è stata vinta da Sabato Pontecorvo, al secondo posto è arrivato Richard Ingarra.

La tappa per questa categoria è stata vinta da Sabato Pontecorvo, al secondo posto si è posizionato Richard Ingarra ed al terzo Stefano De Crescenzo.

 A seguire si è disputata la seconda manche della categoria Ski F1 e Ski F1 Veteran.

La seconda manche della Ski F1 è stata vinta da Daniele Piscaglia, al secondo posto si è posizionato Ugo Guidi ed al terzo Andrea Guidi.

La tappa per questa categoria è stata vinta da Daniele Piscaglia, al secondo posto si è posizionato Ugo Guidi ed al terzo Andrea Guidi.

La tappa si è conclusa con la seconda manche delle esibizioni spettacolari del Free – Style: evoluzioni sempre più incredibili da parte dei piloti più esuberanti di tutto il Campionato; la loro esibizione raccoglie migliaia di persone sia dal vivo sia sui social.

Vince questa seconda manche Roberto Mariani, al secondo posto Massimiliano Pomponi, al terzo Gianluca Delli Rocioli.

La tappa è stata vinta da Roberto Mariani, già campione del mondo ranking, confermando la sua forma perfetta, in vista del prossimo mondiale in Cina, al secondo posto è arrivato Massimiliano Pomponi, al terzo Gianluca Delli Rocioli.

La categoria Spark riservata ai giovani dai 12 ai 14 anni e dai 15 ai 18 anni è stata fortemente voluta dalla Federazione Italiana Motonautica per promuovere fin dal settore giovanile la disciplina delle moto d’acqua, ha anche un forte fine educativo dell’uso del mezzo. Infatti, il disciplinare i giovani piloti fin dall’ambiente scolastico, risulta essere propedeutico per quella vocazione marina che dovrebbe avere un paese come il nostro, circondato da ben oltre settemila chilometri di coste.

Grazie al supporto del Comune di Anzio e della Regione Lazio il lungomare di Riviera Zanardelli, la Marina di Capo d’Anzio e le acque antistanti gli stabilimenti del Tirrenia by Neroniana, saranno animati dalla presenza di oltre 100 piloti impegnati sul circuito realizzato proprio davanti al Circolo Velico La Capannina. Un vero e proprio teatro naturale dove sarà possibile vedere le competizioni proprio a ridosso del Campo Gara.

L’evento coincide nella giornata del 7 settembre con la Notte Bianca dello Sport ad Anzio, alla quale farà da apertura, per la gioia di un pubblico appassionato, le esibizioni mozzafiato dei piloti di Freestyle con evoluzioni al limite tra acqua e cielo.

L’intera competizione si sta svolgendo nel rispetto dell’ambiente che i veri sportivi ed amanti del mare condividono da sempre: infatti i mezzi utilizzati sono motorizzati con tecnologie di ultima generazione ed anche a Quattro Tempi, proprio per garantire un basso impatto ambientale e salvaguardare l’ecosistema marino, protagonista in questa manifestazione unica nel suo genere.

La manifestazione gode del patrocinio del Comune di Anzio e della Regione Lazio e si sta avvalendo della collaborazione della Marina di Capo d’Anzio, dello stabilimento Tirrenia by Neroniana, del Circolo Velico la Capannina, della Capitaneria di Porto, della Squadra Nautica della Polizia, della Guardia di Finanza settore navale, della Protezione Civile e della Polizia locale.

Il Campionato Italiano Moto d’Acqua si concluderà  Varca d’oro a Giugliano in Campania (NA) nel week end dal 20 al 22 settembre.