Omicidio Sara Di Pietrantonio: Carfagna, ergastolo non sia caso isolato

229

Agenpress. “La sentenza nel processo d’appello bis con cui è stato condannato all’ergastolo Vincenzo Paduano, che a Roma, nella primavera del 2016, ha bruciato viva Sara Di Pietrantonio dopo una lunga e crudele persecuzione, è una sentenza giusta.

L’orribile morte di una ragazza così giovane, la disperazione dei suoi genitori e dei suoi amici ha scosso le coscienze in tutta Italia e dato l’avvio a una mobilitazione nazionale, fuori e dentro le istituzioni, che ha portato il femminicidio e la violenza sulle donne in primo piano, come uno dei principali problemi di sicurezza del nostro Paese.

Purtroppo il rogo in cui ha perso la vita Sara Di Pietrantonio è stato emulato in seguito da altri assassini. Anche per questo mi auguro che non sia una condanna esemplare per un singolo assassinio efferato, ma che d’ora in poi le nostre leggi vengano applicate ovunque con rigore. Deve essere chiaro a tutti che il femminicidio, la violenza e lo stalking in questo Paese non trovano giustificazione e vengono perseguiti con fermezza e  massima severità”.

Così Mara Carfagna, vice Presidente della Camera e deputata di Forza Italia, in una nota.