Fondi Lega. Cassazione conferma la condanna a Belsito. Niente processo per Bossi e figlio

148

Agenpress – La Cassazione ha confermato la condanna inflitta in Appello all’ex tesoriere della Lega, Francesco Belsito, nell’ambito del filone riguardante il procedimento per i fondi del Carroccio.

La Suprema Corte ha inoltre confermato la sentenza di non luogo a procedere per l’ex leader della Lega, Umberto Bossi, e per suo figlio Renzo.

I giudici della Suprema Corte hanno respinto il ricorso della Procura di Milano, che chiedeva di estendere anche ai due Bossi la querela presentata da Salvini nei confronti del solo Belsito. Quest’ultimo, a sua volta, si è visto dichiarare “inammissibile”, dagli ermellini, il suo ricorso contro la condanna in Appello.

Una prima “tegola” sull’ex tesoriere era caduta dopo che i giudici, alcune ore prima, nello stesso Palazzo di Giustizia avevano respinto la richiesta di ricusazione del collegio, già avanzata il 17 luglio da Belsito.

“Lo avevamo immaginato, perché la Corte non aveva consentito alla difesa di usufruire dei tempi adatti previsti dalla legge per lo studio della documentazione del processo.

Era questo il motivo della ricusazione di Belsito”, ha detto l’avvocato Alessandro Sammarco, commentando la sentenza di conferma della condanna. Soddisfatto, invece, Domenico Mariani, l’avvocato di Umberto Bossi, per il quale quella nei confronti del suo assistito “è stata una pronuncia che ci aspettavamo perché era manifestamente infondata in punto di diritto la questione sollevata dalla Procura”.

Il procedimento di Milano rappresenta un capitolo dell’altro filone genovese, in cui secondo l’accusa il partito aveva ottenuto i rimborsi elettorali ai danni del Parlamento, tra il 2008 e il 2010, falsificando rendiconti e il bilancio.

Quest’ultimo processo si è concluso con una sentenza della Cassazione dello scorso 6 agosto, che aveva giudicato prescritti i reati per Bossi e Belsito. In quel caso la Suprema Corte aveva annullato senza rinvio le condanne e le confische personali per entrambi. Belsito resta però responsabile di appropriazione indebita: per lui è attesa ancora la rideterminazione della pena in Appello. La confisca dei 49 milioni alla Lega è invece definitiva.

Belsito è stato condannato ieri a sei mesi di reclusione, con pena sospesa, e a risarcire con 100.000 euro Roberto Maroni. La Corte d’Appello di Milano ha confermato quanto stabilito già in primo grado nel procedimento che vede Belsito imputato per diffamazione. Il tesoriere del partito all’epoca di Bossi, in un’intervista, aveva accusato l’ex governatore della Regione Lombardia, di essere stato il destinatario di una tangente da 54 milioni di dollari in relazione a una commessa libica. Un’accusa che costò a Maroni un’indagine per corruzione internazionale.