L’opinione di Roberto Napoletano. La vista corta dei privilegiati dell’Europa: La lungimiranza di Draghi e le giravolte di Weidmann, il falco che si fingeva colomba

452
Roberto Napoletano Direttore del Quotidiano del Sud e l'Altravoce dell'Italia

Agenpress. Ricordo una cena con Jens Weidmann, il Governatore della Bundesbank, in un ristorante della valle del Reno a quattro passi da casa sua, a Francoforte, con cucina e vini tedeschi e la presenza per me confortante di Nina, che ha studiato alla scuola superiore di lingue moderne per interpreti e traduttori dell’Università di Trieste, e lavora per la Bundesbank. Una serata piacevole in cui Nina riesce perfino a farmi emozionare perché mi accoglie con i libri che raccolgono i miei “Memorandum” di un po’ di tempo fa e mi dice che i cervelli italiani all’estero se li continuano a girare tra di loro per Internet.

Di quella cena mi colpì lo sforzo contro natura di Weidmann – l’unico che votò contro il Quantitative Easing proposto da Draghi nel gennaio del 2015 per l’acquisto di attività finanziarie per 60 miliardi di euro al mese – di accreditarsi come sostenitore della politica monetaria espansiva voluta dal presidente italiano della Banca centrale europea. Mi colpì perché era così inusualmente accalorato lo sforzo del falco di diventare colomba da risultare ai miei occhi sospetto. Cito a mente un passaggio di quella conversazione privata: “Riteniamo che la politica monetaria espansiva sia la scelta giusta e diamo volentieri atto a Mario Draghi di avere imboccato questa strada. Per noi oggi contano più i posti di lavoro che il risparmio dei ricchi, chi risparmia ha diversi ruoli, è un lavoratore dipendente, è un cittadino, quindi per lui la politica espansiva contribuisce a dare la sicurezza del posto di lavoro, probabilmente pagherà meno tasse e ha il vantaggio di potere decidere di investire una parte del risparmio per comprare una casa”.

Per leggere la versione integrale dell’editoriale del direttore Roberto Napoletano clicca qui:

https://www.quotidianodelsud.it/laltravocedellitalia/editoriali/2019/09/15/leditoriale-direttore-roberto-napoletano-vista-corta