Alzheimer. Oleuropeina e glutatione biodisponibile proteggono contro la neurodegenerazione

1095

Agenpress – Un anno per testare una nuova strada  contro l’Alzheimer. L’Istituto San Giovanni Di Dio Fatebenefratelli di Genzano (Roma) e Igea PharmaNV, healthtech company, attiva nella prevenzione dell’Alzheimer e del Diabete di tipo 2, hanno avviato uno studio neuropsicologico sull’efficacia dell’integratore alimentare Alz1 Tab (Euvitase) nel trattamento dei disturbi cognitivi e comportamentali come sintomi della malattia di Alzheimer.

Lo studio coinvolge 40 soggetti con forme lievi di demenza di Alzheimer per un periodo di 12 mesi ed è in cross over: due gruppi si alternano in periodi di sei mesi assumendo l’integratore Alz1 Tab (Euvitase), a base di Oleuropeina e Glutatione biodisponibile. I soggetti coinvolti vengono valutati a sei e dodici mesi con test neuropsicologici. Si intende dimostrare, con evidenza scientifica, come l’assunzione di antiossidanti possa contribuire a ridurre l’incidenza della malattia di Alzheimer.

L’Oleuropeina – fenolo contenuto nell’olio di oliva – e il Glutatione biodisponibile hanno già dimostrato sia in vitro che su modelli animali, la capacità di ridurre l’aggregazione e la tossicità della peptide beta amiloide, suggerendo un loro potenziale ruolo protettivo nei confronti della neurodegenerazione associata all’invecchiamento cerebrale patologico dell’Alzheimer.

La malattia di Alzheimer (AD) rappresenta fino all’85% di tutte le forme di demenza. La AD colpisce l’8-10% degli ultra-sessantacinquenni e il 32% degli ultra-ottantenni.  Secondo le stime più recenti in Italia i malati di Alzheimer sono circa 900mila ed i nuovi casi sono stimabili in circa 80mila l’anno.

“La malattia di Alzheimer – spiega il professor Massimo Marianetti, Direttore medico scientifico Centro Alzheimer – è sicuramente una delle grandi sfide sanitarie del XXI secolo. Sono sempre stato in prima linea accanto ai pazienti e alle loro famiglie con tenacia e spirito di innovazione. Per questo credo molto in questo progetto”.

“Questo studio rappresenta per noi un importante passo avanti sul cammino intrapreso da Igea Pharma NV – spiega Diego Mortillaro, ceo di Igea Pharma NV – da anni investiamo in ricerca per offrire alle persone nuovi strumenti di contrasto a malattie gravi come l’Alzheimer; siamo inoltre convinti che sia il momento storico giusto per concentrare sempre di più gli sforzi del settore pubblico e privato in direzione della prevenzione, il vero futuro della medicina moderna”.

Igea PharmaNV è una healthtech company  attiva nella prevenzione dell’Alzheimer e del Diabete di tipo 2. L’obiettivo dell’azienda è di reinventare la medicina preventiva cambiando l’approccio alla prevenzione, capitalizzando nel contempo le opportunità date dall’economia digitale nonché le tendenze e le normative più recenti nel settore sanitario. Fondata da un management italiano nel 2012, la società, con sede ad Amsterdam, è quotata alla Borsa di Zurigo da dicembre 2018 e può contare su un Comitato scientifico composto da professionisti di diverse nazionalità, il cui spessore è riconosciuto in tutto il mondo. Igea Pharma NV opera attualmente principalmente negli Stati Uniti.