Dieselgate. Guai anche per Porche. Codacons. Proprietari possono costituirsi parte offesa

174

Agenpress – Si è concluso a Padova l’incidente probatorio che vede indagati alcuni dirigenti Porsche. Il Codacons, che è stato ammesso all’incidente probatorio come Parte Offesa, ha partecipato attivamente alle operazioni peritali con i suoi Consulenti e i suoi Legali fornendo un contributo significativo alla completezza e alla accuratezza delle indagini tecniche.

Alle prime vetture, inizialmente fornite da Porsche, ne sono state aggiunte altre sequestrate presso alcune concessionarie, accogliendo così le richieste di Codacons tese a sgomberare il campo da ogni dubbio sulla reale rappresentatività, da parte delle vetture oggetto della Perizia, rispetto al parco di vetture circolanti.

risultati della Perizia indicano senza ombra di dubbio, nelle vetture EURO 6, la presenza di uno o più defeat device (dispositivi software in grado di riconoscere l’effettuazione del ciclo di omologazione e ridurre artatamente le emissioni rispetto al comportamento su strada). Più articolata risulta la risposta dei Periti per quanto riguarda l’Euro 5. In questo caso è evidente una strategia di ottimizzazione delle emissioni nelle condizioni tipiche di funzionamento del test di omologazione, ma la valutazione circa la conformità o meno di tale strategia al Regolamento 715/2007 della CE relativo alle emissioni di inquinanti viene lasciata dai Periti al Giudice.

il parere del Consulente del Pubblico Ministero, Prof. Carlo Rossi, al quale si sono associati i Consulenti Codacons, che ha presentato una accurata elaborazione dei dati ricavati nel corso delle operazioni peritali, dalla quale si evince la presenza, anche nel caso di motori EURO 5, di un defeat device di quelli espressamente vietati dal regolamento suddetto. Entro la fine del mese il Gip dott.ssa Gambardella invierà il fascicolo alla Procura della Repubblica, che dovrà decidere sul rinvio a giudizio degli indagati.

L’incidente probatorio apre ora la strada ai risarcimenti in favore di migliaia di automobilisti coinvolti nello scandalo – afferma il Codacons – Pertanto invitiamo tutti i proprietari di vetture Porsche Cayenne o Macan con motore diesel 3.0 VL, modello euro 5 e modello euro 6, a costituirsi parte offesa nell’inchiesta perché, se come sembra si arriverà a processo, sarà possibile chiedere in tribunale 10.000 euro di risarcimento per i danni subiti. Per info e adesioni https://codacons.it/proprietario-porsche-chiedi-anche-tu-risarcimento-nello-scandalo-porschgate/