Cesa (Segretario Nazionale UDC): Nel Paese c’è voglia di Dc, l’operazione di Renzi è solo tattica

431

Agenpress. Il leader dell’Udc Lorenzo Cesa ha messo interno al tavolo i rappresentanti di Popolari per l’Italia, Dc, Cdu, Mir, Popolari per la Puglia, anime sparse del pensiero liberale, Politica Insieme, e Movimento per la Vita.

Ma è solo l’inizio «perché tra pochi giorni nuovi soggetti saranno invitati a ragionare sulle prospettive che si aprono al centro»: pezzi di associazionismo cattolico e di società civile e, ancora, parlamentari di area cattolica sparsi nei vari partiti.

Una nuova Dc proiettata nel futuro. La funzione che ci assegniamo è quella di mettere assieme tutta quell’area democratico cristiana che c’è ed esiste, che è fatta non solo dall’Udc ma da tanti movimenti politici che esistono localmente e sono portatori di un modo nuovo di fare politica.

Vogliamo riaggregare quel settore che militava nella Democrazia Cristiana e che metteva al centro della politica la difesa delle fasce più deboli. Afferma il segretario nazionale dell’UDC Lorenzo Cesa al quotidiano online Spraynews.it è che aggiunge, ci sono tantissimi credenti – gente che va a messa la domenica, che fa volontariato – che non vanno più a votare perché non si riconoscono in nessuno dei soggetti presenti sulla scena politica.

Quella gente è la nostra gente e a loro dobbiamo tornare a offrire una alternativa riconoscibile, un pensiero forte e serio. Quello di Renzi è puro tatticismo. Non vedo una spinta ideale ma solo una operazione di palazzo. Ha evitato le elezioni e questo è un bene, ma lo ha fatto senza un profilo programmatico ed un progetto da offrire al Paese.

Prima mette all’angolo Zingaretti spingendo il Pd all’accordo di governo con i Cinque stelle e poi, a freddo, dice di non si riconoscersi più nel partito democratico. Ma come, dopo che il tuo partito, pur tra molti dubbi, sposa la tua linea tu lo lasci il giorno dopo! In ogni caso attendiamo i contenuti. Nel frattempo registro che tutto questo crea confusione e disincanto nel corpo elettorale.

Così al quotidiano online Spraynews.it il segretario nazionale Udc Lorenzo Cesa.