Global Climate Strike. Mirabelli (PD): “Il decreto sulla green economy si farà”

280
Franco Mirabelli

Agenpress. “È utile non utilizzare le bottigliette di plastica per evitare che le plastiche si disperdano in mare. L’Italia, però, non è messa male rispetto alle politiche per la sostenibilità: siamo il primo Paese in Europa ad aver raggiunto gli obiettivi stabiliti dalla Strategia Europa 2020 già da due anni, rispetto all’uso delle energie alternative”.

Lo ha detto il senatore Franco Mirabelli, Vicepresidente del Gruppo PD al Senato, intervenendo a Radio Lombardia, commentando alcune notizie del Global Climate Strike.

Mirabelli ha annunciato che “Il decreto sulla green economy si farà e sarà uno degli elementi qualificanti di questo Governo. Non servono soldi per farlo ma interventi sulla fiscalità: serve mettere i cittadini nelle condizioni di usare le buone pratiche, ad esempio rendere gli edifici ecocompatibili, diminuire la dispersione energetica, utilizzare le energie alternative per il riscaldamento, favorire chi compra le auto ibride. Questo è ciò che dobbiamo fare, anche perché può produrre un’economia e posti di lavoro. Il tutto vuol dire avviare l’innovazione di un sistema e, quindi, dare possibilità di creare lavoro”.

In merito alle azioni da mettere in campo, il senatore PD ha sottolineato che “Ci sono molte cose che inquinano e che vanno cambiate. Per gradi si può fare molto. L’inquinamento è dato in larga parte anche dal riscaldamento e in tema di incentivare l’efficientamento del riscaldamento degli edifici si può fare molto. Le case popolari, ad esempio, sono strutture molto dispersive, difficili da riscaldare e non sono fatte con criteri che garantiscono di tenere all’interno il calore. Su tutto questo si può intervenire e negli anni scorsi abbiamo anche garantito diverse volte gli ecobonus per favorire la detrazione sugli interventi per l’efficientamento energetico.

Dobbiamo lavorare molto anche per rafforzare il trasporto pubblico nelle città. A Milano lo stiamo facendo ed è una città di esempio per la densità del trasporto pubblico e la possibilità di muoversi dentro e fuori dalla città usando le linee metropolitane. Bisogna riuscire a dare risposte agli utenti e in alcune fasi dell’anno c’è una necessità di avere maggiori servizi”.