Debito pubblico. Bankitalia. Vola al 134,8%, rialzo di 58,3 mld

272

Agenpress –  Nel 2018 il debito pubblico è stato complessivamente rivisto al rialzo di 58,3 miliardi al 134,8 per cento del Pil dal 132,2% stimato in precedenza. Lo comunica Bankitalia in una nota, completando così le revisioni dei conti pubblici avviate dall’Istat.

La revisione, spiega la Banca d’Italia, riflette sostanzialmente l’effetto del differente criterio di valutazione dei Buoni fruttiferi postali. Per gli anni precedenti l’entità delle revisioni è più elevata, “riflettendo anche gli effetti dell’ampliamento del perimetro delle Amministrazioni pubbliche definito dall’Istat in accordo con l’Eurostat”.

Secondo la nuova metodologia, il 2015 si è chiuso al 135,3% del Pil, il 2016 al 134,8%, il 2017 al 134,1%, risalendo poi al 134,8 per cento alla fine dello scorso anno.

“Complessivamente – evidenzia quindi Via Nazionale – le revisioni apportate al debito e quelle apportate al Pil dall’Istat determinano un’incidenza del debito sul Pil più elevata, ma una dinamica del rapporto più favorevole (rispetto al 2015, alla fine del 2018 il peso del debito è leggermente diminuito anziché aumentare)”. Le stime precedenti, che non includevano i Buoni postali, indicavano infatti un debito al 131,6% del Pil nel 2015, al 131,4% nel 2016, al 131,4% nel 2017 e appunto al 132,2 per cento nel 2018.