L’ opinione di Roberto Napoletano. La farsa della solidarietà a favore dei ricchi. Le balle di Zaia e la fretta sospetta di blindare gli indebiti privilegi

431
Roberto Napoletano Direttore del Quotidiano del Sud e l'Altravoce dell'Italia

Agenpress – Luca Zaia mente sapendo di mentire. Non fa mai un numero ma li conosce tutti. Quelli giusti e quelli sbagliati. La prima regola di chi amministra bilanci complessi è documentarsi prima di parlare e fa specie che a violare disinvoltamente questa regola sia uno dei Governatori che ha il più alto tasso di gradimento nella comunità del suo territorio. 

Non si tratta di un errore ovviamente, tutti possiamo sbagliare, ma in questo caso l’errore è ripetuto e non può non nascondere una dose di malafede. Come possa impunemente Zaia dichiarare al Corriere della Sera che “se guardo ad alcune comunità del Sud che esportano malati con la valigia in mano, vedo che non hanno avuto meno soldi di noi” è davvero incredibile. I dati sono tutti pubblici. La Corte dei conti li snocciola puntualmente, di anno in anno, e alla faccia di ogni regola costituzionale di solidarietà, tutte le Regioni del Nord sono nettamente sopra la media nazionale e quelle del Sud nettamente sotto. Di anno in anno la forbice si allarga benché a produrre gran parte del deficit della sanità siano proprio le Regioni a statuto ordinario del Nord, Piemonte, Liguria, Toscana in testa, ma a seguire le altre comprese Lombardia e Veneto.

Pochi dati certificati dalla Corte dei Conti sulla spesa sanitaria pro capite, relazione gestione finanziaria dei servizi regionali, sono sufficienti a capire di che cosa stiamo parlando. Nel 2017 lo Stato mediamente ha investito 1.888 euro per ogni suo cittadino, tutte le Regioni meridionali, ad eccezione del Molise (2.101 euro pro capite), ricevono e spendono meno della media nazionale. 

In particolare la Campania (1.729 euro), la Calabria (1.743 euro), la Sicilia (1.784 euro) e la Puglia (1.798 euro); mentre la spesa pro capite più alta si registra nelle Province autonome di Bolzano (2.363 euro) e Trento (2.206 euro), in Liguria (2.062 euro), Valle d’Aosta (2.028 euro), Emilia-Romagna (2.024 euro), Lombardia (1.935 euro), Veneto (1.896 euro). 

Per leggere la versione one integrale dell’editoriale del direttore Roberto Napoletano clicca qui:

https://www.quotidianodelsud.it/laltravocedellitalia/editoriali/2019/09/27/leditoriale-direttore-roberto-napoletano-farsa-solidariet