Mafia. Berlusconi indagato. Furlan (Fdl). Solidarietà ed affetto. La politica si indigni

593

Agenpress – Porto la mia solidarietà e il mio affetto a Berlusconi per l’ennesimo ignobile attacco di una parte politicizzata della magistratura. Chiunque conosca Berlusconi sa che tali ipotesi di reato sono semplici farneticazioni. Tuttavia non ho sentito la politica tutta stigmatizzare con forza un simile abominio.

Invito in particolare i leader dei due maggiori partiti del centrodestra gli amici Giorgia Meloni e Matteo Salvini a prendere posizione poiché un giorno non troppo lontano potrebbe toccare a ciascuno di noi se non si interviene con una profonda e strutturale riforma della magistratura. In particolare occorre introdurre la responsabilità dei magistrati che non possono istruire indagini assurde e fantasiose, rovinando la vita alle persone, senza mai pagare.

Lo dichiara in una nota Simone Furlan già fondatore dell’Esercito di Silvio e dirigente di Fratelli d’Italia.