Fiorentino Sullo commemorato dal presidente Conte. A far gli onori di casa Rotondi

234

Agenpress.Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è stato ad Avellino, per intervenire alla cerimonia di apertura delle celebrazioni per il centenario della nascita di Fiorentino Sullo.

A fare gli onori di casa è il presidente della Fondazione dedicata all’ex leader democristiano, un altro ex Dc, ora deputato di Forza Italia, Gianfranco Rotondi.

Gianfranco Rotondi (FI), nel discorso di saluto all’evento organizzato dalla Fondazione Sullo ha detto: ” I cattolici in politica “sono bisognosi di un riferimento, e in questi mesi abbiamo Conte che parlava di La Pira, poi di Moro, fino alla sera del giorno della fine del governo quando Conte è andato a trovare Maria Romana De Gasperi. Conte è un maestro, sia che sia premier sia no, e non nego che nei giorni successivi” alla crisi, “abbiamo fatto qualcosa perché’ restasse premier, e se necessario, faremo ancora perché’ resti premier a lungo. Lei deve costruire attorno a se’ una solidarietà nazionale ampia, deve sentire i suoi predecessori, da Letta a Gentiloni, da Berlusconi a Renzi, tutti. Il Paese vuole sentire forte una nuova stagione di solidarietà, l’augurio è che sia lei il testimone di questa stagione”.

Che la partita politica si giochi al centro, in un sistema sempre più bipolare, non è una novità e Rotondi strizza l’occhio al premier, facendosi interprete dei malumori di Fi, dove aleggia sempre di più il fantasma renziano e la fronda antisovranista cresce giorno dopo giorno.

C’è chi scommette che per mettere in sicurezza la maggioranza a Palazzo Madama -dove gli equilibri sono più fragili e i renziani hanno un peso specifico maggiore- sia pronta a scendere in soccorso del Conte bis una pattuglia di nuovi responsabili che potrebbero far capo proprio a Rotondi.