Di Maio. A.Mittal si sta rimangiando l’accordo. Smascherato il finto sovranismo della Lega

302

Agenpress  –  “Stiamo riparlando di Ilva perchè Arcelor Mittal si sta rimangiando l’accordo”.Lo afferma il ministro degli Esteri Luigi Di Maio nel corso del forum ANSA.

“La vecchia cordata non esiste più dobbiamo obbligare Arcelor Mittal a restare a Taranto. Va bene il dialogo ma senza minacce: Arcelor Mittal sapeva che avrebbe trovato un governo che pretende siano rispettati i patti. Chiedere di andare via da Taranto è un’azione inaccettabile che non è presupposto per il dialogo. Mettere sulla strada 5.000 persone mi sembra assurdo”.

“Allo Stato è stato chiesto di rispettare il contratto di Calenda, adesso chi ci chiede di rispettarlo non rispetta i patti. Io spero che i sovranisti siano mossi da orgoglio e non facciano i camerieri delle multinazionali”, ha detto ancora.

Riguardo alla Lega “ad agosto ha deciso di fare saltare il governo, ma era un problema loro. Potevamo andare avanti cinque anni ma non c’era la volontà. Ora vogliono vincere le regionali per tornare al governo, ma ci stavano già…”.

“Forze dell’Ordine prese in giro dal governo, sbarchi, tasse e manette. Conte-Di Maio-Renzi mettono circa 60 milioni di euro sul riordino delle carriere, contro i 100 previsti con la Lega al governo, ma recuperano la cifra tagliando il bilancio dei ministeri a partire da Interno, Giustizia e Difesa. Con una mano tolgono, con l’altra ridanno. Ennesima truffa e clamorosa umiliazione per le donne e gli uomini in divisa. Non vediamo l’ora di tornare al voto, vincere e restituire dignità alle Forze dell’Ordine. Altro che schedare i poliziotti, come propone la maggioranza!”.

E sull’alleanza  “nella prossima settimana avrò riunioni con i gruppi della Calabria ed Emilia. Oggi nel Movimento non c’è un consenso per fare alleanze con il Pd. A livello nazionale non è un’alleanza ma un governo che mette insieme i voti perché non abbiamo raggiunto il 51% dei consensi”.

“Ogni volta che io provavo a essere duro, la Lega si schierava con Arcelor. Ora ho capito perché: hanno investito in Arcelor e stanno battagliando ancora per la multinazionale e non per i lavoratori. Abbiamo smascherato il finto sovranismo. Abbiamo gli unici sovranisti al mondo che perorano le battaglie delle multinazionali anziché i cittadini e i lavoratori”.