Venezia. Elisabetta Spitz supercommissario del Mose

477

Agenpress –  La ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli ha confermato a Radio Capital che il supercommissario per il Mose “sarà Elisabetta Spitz“, ex direttore dell’Agenzia del Demanio.

Per la nomina manca solo un passaggio – l’accordo con il presidente della Regione Veneto Luca Zaia.  Secondo il cronoprogramma l’opera sarà completata e consegnata per il 30 giugno, poi inizierà la gestione ordinaria. Il via libera del comitatone alle dighe mobili era arrivato nel 2003. Se ne è discusso nella riunione in Prefettura a Venezia la sera di mercoledì 13 novembre, presente anche il premier Conte. Tutti i particolari nel giornale in edicola.

L’obiettivo del governo è di completare l’opera entro il 2021 “Ci sono stati forti rallentamenti sul progetto che oggi però è compiuto al 93%. Mancano gli ultimi 400 milioni. Sono stati appostati dal governo, non sono fermi per motivi burocratici. Non c’è niente di fermo, i lavori stanno andando avanti”, ha spiegato ancora De Micheli a Circo Massimo.

Intanto il prossimo 25 novembre si riunirà il comitato interministeriale per la salvaguardia di Venezia. L’organismo, ha spiegato Conte, si occuperà di tutti i problemi strutturali di Venezia, dalle grandi navi, al Mose”, ha detto Conte nel corso di un punto stampa a Venezia a seguito di una riunione in Prefettura.