Perugia. Finanziere suicida. Cortese (criminologa). Serve aiuto psicologico da parte dello Stato

361

Agenpress -Un Finanziere si è suicidato a Perugia, aveva 52 anni, si è sparato con la pistola d’ordinanza. Siamo di fronte ad una tragedia immane. Sembra davvero non avere fine il mal di vivere che caratterizza gli appartenenti ai diversi Corpi Armati del nostro Paese.

Polizia Penitenziaria e Guardia di Finanza sembrano essere quelli più colpiti da questo angosciante fenomeno che riguarda però tutto il settore della Difesa del nostro Paese. Inutile parlare di emergenza Sicurezza chiedendo più uomini e mezzi nelle Città se poi all’interno delle Caserme e dei Commissariati non c’è un ambiente sereno in cui si possa lavorare nell’interesse della Nazione ma al contrario sono ambienti in cui poco alla volta trova terreno fertile per attecchire il germe dell’ansia, delle preoccupazioni famigliari e personali, dell’insicurezza e della depressione. Lo Stato e il Governo italiano devono farsi carico del problema stipulando accordi o convenzioni  finalizzate a prevenire e contrastare gli eventuali disagi di natura psicologica degli uomini e delle donne in divisa. Come Osservatorio noi ci siamo con umiltà siamo disposti a dare una mano.

Bisogna capire quali siano i condizionamenti, i fattori esterni o interni che posso indurre in così tanti e diversi casi dal Nord al Sud Italia a prendere la pistola d’ordinanza e rivolgerla contro sé stessi o impiccarsi in Caserma. Non possiamo più solo piangere amici e colleghi bisogna ragione su cosa serve fare, e farlo da subito.

Così Antonella Cortese criminologa e Vice Presidente Osservatorio Nazionale dei diritti e della salute dei militari e forze dell’ordine.