Mose, Italia Viva: Zaia cerca responsabili? La Lega governa dal 1995

177

Agenpress. “Fa effetto leggere le dichiarazioni del governatore del Veneto Zaia sul Mose: “se funzionerà bene, se non funzionerà cercheremo i responsabili”. Se Luca Zaia avesse abitato sulla Luna fino a ieri, capirei le sue argomentazioni.

Siccome è esponente di un partito e di una coalizione che governa interrottamente la regione dal 1995 e che ha governato l’Italia per metà del tempo da quando sono partiti i lavori di costruzione del Mose, le sue parole appaiono quasi offensive per chi si trova oggi a dover fare la conta dei danni subiti dall’inondazione.

Se ancora nel 2019 ci sono dubbi sulla futura efficacia delle paratie mobili, dopo anni di analisi, lavori, stime e confronti pubblici, il governatore del Veneto farebbe bene a ritenere il suo nome tra i primi responsabili politici dell’eventualità di cattivo funzionamento del Mose. Venezia è una perla dell’Italia e del mondo e Zaia è tra quanti non sono stati capaci negli anni di proteggerla a dovere.

La Lega è sempre pronta a chiedere e rivendicare autonomia, salvo reclamare l’aiuto dello Stato centrale ad ogni evento calamitoso. Se si tratta di aiutare i cittadini in difficoltà, lo Stato ha sempre il dovere di intervenire, ma nella vicenda del Mose ci aspettiamo che sia anche la Regione Veneto a investire responsabilmente le proprie risorse e il proprio impegno immediato per il completamento dell’opera”.

Così l’on Gianfranco Librandi (IV).