L’ opinione di Roberto Napoletano. OPERAZIONE VERITÀ 2/ La cassa svuotata del Sud. Investimenti solo sulla carta per le infrastrutture

270
Roberto Napoletano Direttore del Quotidiano del Sud e l'Altravoce dell'Italia

Se non vogliamo diventare la nuova Grecia servono più Stato, più cultura industriale per acciaio e Compagnia di bandiera. Meno male che c’è ancora una grande banca che non fa il ragioniere dei padroncini del vapore

Agenpress – La cassa è vuota. Anche quando ci mettono qualche spicciolo in più è sempre sulla programmazione di spesa di qualche anno più avanti. Si deve lasciare in mezzo un lasso di tempo necessario per fare in modo che alla data prestabilita quello spicciolo in più sia sparito.

Alla voce investimenti pubblici, Mezzogiorno e industria strategica, la cassa è sempre vuota, arriva sempre prima qualche mano rapace che fa tabula rasa e dispensa regalie varie al peggiore capitalismo privato europeo, manutengoli della mammella pubblica che ragionano con le viscere, parlano di ciò che non conoscono e, cosa insopportabile, fanno la morale agli scippati.

 

Questo giornale, in splendida solitudine e senza mai essere smentito, ha documentato che nell’ultimo decennio ogni anno 60 miliardi di spesa sociale e investimenti dovuti al Sud sono finiti al Nord (prima operazione verità) grazie al trucco della spesa storica per cui il ricco diventa sempre più ricco e il povero sempre più povero.

 

Poiché, anche di fronte a questa evidenza certificata dai dati della contabilità nazionale, si replica che “sì, d’accordo, è vero” ma anche se si desse il giusto al Sud tanto non saprebbero spenderlo, allora abbiamo fatto la seconda operazione verità e abbiamo scoperto, sempre dati certificati della Ragioneria generale dello Stato, che i fondi di coesione destinati al Sud e che il Sud per la vulgata dominante non saprebbe spendere, in realtà non esistono.

 

Sono stati brutalmente tagliati negli anni terribili delle Grandi Crisi per rispettare gli impegni di stabilizzazione della finanza pubblica e le decine di miliardi di cui oggi si favoleggia sono solo specchietto per le allodole perché riguardano la competenza mentre si tengono ben strette le chiavi della cassaforte dove un sistema di venti milioni di persone che avrebbe bisogno di un piano di investimenti da 200 miliardi leva finanziaria incorporata riceve con il contagocce poco meno di 2 miliardi l’anno.

 

Per leggere la versione  integrale dell’editoriale del direttore Roberto Napoletano clicca qui:

https://www.quotidianodelsud.it/laltravocedellitalia/editoriali/2019/11/21/leditoriale-di-roberto-napoletano-laltravoce-dellitalia-la-cassa-svuotata-del-sud-investimenti-solo-sulla-carta-per-le-infrastrutture/