“Questa capacità di sorridere e piangere” presentato a Roma il libro del magistrato Maurizio Ascione

1264

Il saggio racconta storie di “vite sbiadite”, di persone che “muoiono in nome del profitto”, di diritto al lavoro ma anche alla salute


Agenpress. Si è tenuta oggi a Roma, presso il MoMeC- Montecitorio Meeting Centre, la presentazione del libro di Maurizio Ascione dal titolo “Questa capacità di sorridere e di piangere”.

Ascione, magistrato della Procura di Milano, autore di numerose indagini sulle morti per amianto nelle fabbriche milanesi, ha dedicato il suo lavoro ai bambini e alla loro spontaneità espressiva, associando la capacità di sorridere e piangere, come recita il titolo del libro, alla volontà di chi, impegnato nelle fabbriche, dimentica che lavoro e salute devono procedere di pari passo.

Emerge, dunque, ha spiegato Ascione, “l’apparente contrasto tra l’esercizio dell’attività economica, utile a favorire la crescita di un territorio e il diritto alla salute, quale diritto fondamentale e costituzionale. La mia è una solidarietà estesa verso tutte le vittime: quelle eccellenti, quelle dimenticate, quelle innocenti e quelle colpevoli. Quelle vittime che un Paese come il nostro ha il dovere di ricordare, ma anche di raccontare”.

Oltre all’autore erano presenti all’evento: il segretario generale dell’Ugl, Paolo Capone; il giuslavorista e vicepresidente del Consiglio di presidenza della Corte dei Conti Gabriele Fava.

E’ intervenuto anche il presidente Emerito della Corte Costituzionale ed ex Ministro di Grazia e Giustizia Giovanni Maria Flick, commentando che: Il libro di Ascione ha posto in evidenza tutti i valori, anche quelli più profondi, che la professione della magistratura può avere“.