Treofan: firmato al MiSE accordo quadro per la reindustrializzazione del sito di Battipaglia

453

Agenpress. È stato firmato oggi al Ministero dello Sviluppo economico un accordo quadro per la reindustrializzazione dello stabilimento di Battipaglia della Treofan, tra l’attuale proprietà di Jindal, gli acquirenti di Jcoplastic, i sindacati e Confindustria locale, con il quale si porta a compimento con successo un percorso avviato nel mese di gennaio 2019.

È questo l’esito del tavolo su Treofan tenutosi oggi al MiSE, presieduto dalla Sottosegretaria Alessandra Todde e dal Vice Capo di Gabinetto Giorgio Sorial, a cui hanno partecipato anche i rappresentanti del Ministero del Lavoro, l’advisor Vertus e gli enti locali.

In apertura dell’incontro, l’advisor Vertus, a seguito delle interlocuzioni avvenute in questi mesi con oltre 160 potenziali investitori che hanno portato alla presentazione di un’offerta vincolante da parte del gruppo Jcoplastic la cui attività è centrata sulla produzione di casse e recipienti in plastica.

Con l’accordo quadro siglato oggi e a cui seguiranno intese in sede locale, Jcoplastic si impegna a realizzare un piano di riconversione dello stabilimento che verrà orientato verso produzioni complementari a quelle del gruppo e destinato anche a fornire i mezzi a trazione elettrica  per la distribuzione ai clienti delle produzioni. L’acquirente si è inoltre impegnato a procedere con la salvaguardia di tutti i 51 lavoratori dello stabilimento di Battipaglia in un percorso temporale concordato, nel corso del quale sarà predisposto anche un piano di formazione per i lavoratori.

L’esito positivo della trattativa è stato favorito anche dalla disponibilità di Jindal di cedere l’area e i beni dello stabilimento ad un prezzo simbolico.

I sindacati hanno espresso apprezzamento per il lavoro portato avanti dal Ministero in questi mesi attraverso un confronto finalizzato a raggiungere un risultato importante.

Il MiSE ha sottolineato come quello di oggi è il risultato frutto della collaborazione sinergica tra tutti i soggetti coinvolti in un lavoro intenso che ha avuto come obiettivo proprietario sia la salvaguardia una attività produttiva del territorio campano e dei lavoratori.