Coronavirus. Camera e Senato si blindano. Controllo temperatura, gel e mascherine

897

Agenpress – Stop a convegni, seminari ed eventi aperti a soggetti esterni presso tutte le sedi della Camera, comprese le sale a disposizione dei Gruppi parlamentari; stop a “Montecitorio a porte aperte” e “Insula Sapientiae”, a visite scolastiche, giornate di formazione e ogni altra iniziativa rivolta alle scuole e alle Università oltre che visite di gruppo:.

Giro di vite anche sulle conferenze stampa (saranno consentite solo quelle svolte da deputati o da gruppi parlamentari, con la sola presenza di giornalisti accreditati dall’Associazione stampa parlamentare) e sul numero di ospiti che i deputati potranno invitare.

E’ sospeso lo svolgimento delle seguenti iniziative: – convegni, seminari ed eventi di qualsiasi natura aperti a soggetti esterni presso tutte le sedi della Camera dei deputati, comprese le sale a disposizione dei Gruppi parlamentari.

Ciascun deputato potrà ricevere ospiti nel limite massimo di tre al giorno; per tali ospiti è sospesa la possibilità di utilizzo dei servizi di ristorazione.

Anche il Senato si blinda contro il coronavirus.  Controllo della temperatura e disinfezione delle mani con un gel: sono le procedure previste da questa mattina per entrare in Senato. Da oggi ad attendere senatori, personale e giornalisti che hanno accesso a palazzo Madama c’è un’operatore che, munito di camice e mascherina, effettua i controlli con un scanner termico. I controlli vengono effettuati all’accesso principale su Corso Rinascimento e ai due accessi laterali, gli unici da cui sarà possibile accedere in Senato. Al momento non ci sono file eccessive anche se la misurazione della temperatura richiede qualche minuto per essere completata. I nuovi “protocolli ” per accedere a palazzo Madama sono stati decisi ieri dai senatori e prevedono, tra l’altro, anche l’interruzione delle visite scolastiche.