Coronavirus. Usa. New York, sindaco dichiara stato emergenza. Si ferma lo sport

673
New York City, il sindaco Bill de Blasio

Agenpress –  Il sindaco di New York, Bill de Blasio, dichiara lo stato di emergenza per la città in seguito “all’intenso” aumento dei casi di coronavirus. Il governatore dello stato di New York, Andrew Cuomo, ha dichiarato lo stato di emergenza nei giorni scorsi.

L’emergenza  ferma lo sport professionale in tutti gli Stati Uniti. Dopo la decisione della Nba di sospendere la stagione del basket anche la lega calcio (Mls) e quella dell’hockey ghiaccio (Nhl) hanno deciso di sospendere la stagione. Per quanto riguarda il baseball, il campionato non è ancora iniziato, ma intanto la lega (Mlb) ha deciso di sospendere gli allenamenti in attesa di vedere cosa accadrà da qui al fischio d’inizio previsto per il 26 marzo

La stagione del football americano invece inizia in autunno, tuttavia da parte della Nfl sono stati presi alcuni provvedimenti come il divieto di viaggiare per gli allenatori e i talent scout. Partite a porte chiuse poi per la Ncaa, la lega del basket universitario, anche se si fanno sempre più insistenti le pressioni per annullare le partite.

La Nascar, la potente associazione che organizza gare automobilistiche come la Daytona 500, ha per ora rinviato le prossime prove in calendario previste a Miami dal 20 al 22 marzo in seguito all’ordinanza del sindaco di proibire i grandi assembramenti. E’ stato però limitato l’accesso dei fans ai box.