Coronavirus. L’Onu chiede ai Paesi in guerra, “cessate il fuoco mondiale. “Ritiratevi dalle ostilità”

2294

Agenpress – “Non dimentichiamo che nei Paesi devastati dalla guerra, i sistemi sanitari sono crollati. La furia del coronavirus mostra la follia della guerra. Ecco perché oggi chiedo un cessate il fuoco globale e immediato in tutti gli angoli del mondo. È tempo di bloccare i conflitti armati e concentrarsi sulla vera lotta delle nostre vite. Alle parti in guerra dico: ritiratevi dalle ostilità”.

E’ il messaggio lanciato dal segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres.  “Gli operatori sanitari, che sono già pochi, sono stati spesso presi di mira – ha continuato il segretario generale dell’Onu durante una conferenza stampa virtuale con i giornalisti del Palazzo di Vetro – Rifugiati e sfollati sono doppiamente vulnerabili”.

“Il virus non si preoccupa di nazionalità, etnie, fede religione e nel frattempo i conflitti armati infuriano in tutto il mondo. I più vulnerabili, donne e bambini, persone con disabilità, emarginati e sfollati, pagano il prezzo più alto”. Guterres ha chiesto di “aiutare a creare corridoi per aiuti salvavita, aprire preziose finestre per la diplomazia, portare speranza in luoghi che sono tra i più vulnerabili per il coronavirus”.