Coronavirus. Capone (UGL): “Ora poderosa iniezione di liquidità, snellimento cassa integrazione e abbattimento pressione fiscale”

325

Agenpress. “Condivido la razionalizzazione delle restrizioni per arginare il contagio da Covid-19 e, tuttavia, ricordo che è ormai improcrastinabile l’adozione di misure concrete per l’economia, mentre l’Esecutivo attualmente sembra versare in uno stato confusionale”.

Lo dichiara in una nota il Segretario Generale dell’UGL, Paolo Capone, a margine del Consiglio dei Ministri ancora in corso. Secondo Capone “per far fronte alla crisi, è fondamentale avviare un progetto anti-virus europeo, di cui non c’è traccia e una poderosa iniezione di liquidità a sostegno del mercato interno volta ad agevolare un piano di investimenti pubblici che abbracci il settore sanitario, il welfare, le infrastrutture, l’istruzione e l’ambiente.

L’epidemia ha innescato una crisi economica senza precedenti che determinerà un forte impatto sul PIL e sull’occupazione. Per tale ragione è fondamentale rafforzare seriamente gli ammortizzatori sociali snellendo, in primo luogo, le procedure per la concessione della cassa integrazione, da utilizzare in ogni situazione di necessità, senza se e senza ma”, sottolinea il sindacalista.

Secondo Capone, “imprese e lavoratori, a breve, si troveranno in una crisi di liquidità tale da richiedere un’eventuale distribuzione di danaro direttamente ai cittadini, come tra l’altro sta ipotizzando il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Il tempo è poco e l’Esecutivo deve agire con immediatezza pensando anche a predisporre una chiara politica fiscale espansiva finalizzata ad un netto taglio della tassazione”, conclude Capone.