Coronavirus. Iran, 2077 decessi, 27mila contagiati. Tutti a casa per 15 giorni

267

Agenpress – Altre 143 persone che avevano contratto il coronavirus sono decedute nelle ultime 24 ore in Iran, portando il totale a 2.077 vittime. I casi registrati aumentano a 27.017, con 2.206 nuovi contagi. I guariti aumentano invece a 9.625. Lo riferisce il ministero della Salute di Teheran.

Verranno adottate misure ancora più stringenti per contrastare la diffusione del coronavirus. Ad annunciarlo in diretta tv il presidente Hassan Rohani, spiegando che per 15 giorni ci saranno limitazioni alla libera circolazione che potrebbero “creare difficoltà”. Finora, il governo di Teheran si era limitato a raccomandare alla popolazione di restare a casa.

Saranno vietati ai  cittadini di lasciare le proprie città di residenza a partire da domani o dopodomani.

Milioni di iraniani si sono messi in viaggio nei giorni scorsi per le vacanze del Capodanno persiano (Nowruz), ignorando le raccomandazioni delle autorità. “C’è stato un lungo dibattito all’interno del Comitato nazionale per la lotta al coronavirus su come rafforzare le misure che abbiamo preso. Ora dobbiamo rafforzarle. Potrebbero creare problemi ai progetti di viaggio della popolazione e costringere le persone a tornare a casa in anticipo. Ma la gente deve capire che queste decisioni difficili vengono prese per proteggere la vita delle persone. Non abbiamo scelta”, ha detto il capo del governo iraniano in un discorso a margine di una riunione del suo gabinetto.