Coronavirus. Video supervirus cinese da topi e pipistrelli. Le autorità cinesi spieghino

1491

Agenpress –  “Il Tg Leonardo del 16 novembre 2015, trasmesso su Rai Tre parlò di un preoccupante esperimento fatto da scienziati cinesi innestando una proteina presa da topi e pipistrelli sul virus della Sars. Il virus doveva restare chiuso nei laboratori ‘a scopo di studio’. L’esperimento confermò che l’uomo poteva esserne colpito. La coincidenza sembra del tutto inverosimile. L’intera trasmissione è reperibile su Rai Play, dunque non è una fake news. Le autorità cinesi dovranno dare molte spiegazioni”. Lo scrive in una nota Lucio Malan, vicecapogruppo vicario dei senatori di Forza Italia.

“Il ministro Di Maio chiarisca subito con le autorità cinesi l’origine del Covid-19. Si riveda in proposito la puntata di TgR Leonardo del 16 novembre 2015 su Rai 3. Potrà constatare lui stesso la notizia secondo cui un gruppo di ricercatori cinesi aveva creato in laboratorio un super virus polmonare dai pipistrelli e topi. Abbiamo presentato in proposito un’interpellanza urgente”,  afferma il capogruppo della Lega in commissione esteri, Eugenio Zoffili, richiamando il video che Matteo Salvini ha rilanciato su Facebook.

“Nello stesso servizio – osserva l’esponente leghista – venivano peraltro sottolineate anche le forti preoccupazioni per questo esperimento da parte della comunità scientifica internazionale. Nonostante le rassicurazioni cinesi, il rischio che potesse contagiare l’uomo era già evidente. Di Maio attivi subito tutti gli accertamenti del caso. La verità deve venire a galla”.

“Presenteremo un’interrogazione urgente al ministro Di Maio perché faccia immediatamente luce con le autorità cinesi, circa i contenuti della trasmissione della TgR Leonardo del 16 novembre 2015”, dice il senatore della Lega Tony Iwobi, vicepresidente della commissione Esteri al Senato.

“Nella puntata in causa, si riportava la notizia, secondo la quale, un gruppo di ricercatori cinesi aveva creato in laboratorio un super virus polmonare dai pipistrelli e topi. Il servizio riportava anche la forte contrarietà della comunità scientifica, mettendo in guardia dall’uso improprio di una minaccia così pericolosa per l’uomo. Di Maio chiarisca con la massima celerità gli inquietanti contorni di una vicenda che merita la massima attenzione possibile”.