Coronavirus. Capone UGL: “Draghi scarica l’austerity. Il Governo non pensi al bilancio”

201

Agenpress. “Le parole dell’ex presidente della BCE Mario Draghi certificano, se ce n’era ancora bisogno, il fallimento delle politiche fondate sull’austerity che, di fatto, erano tese a proteggere i bilanci piuttosto che i cittadini”.

Così in una nota, poco fa, il Segretario Generale dell’UGL, Paolo Capone.

“L’epidemia sta mettendo in gravi difficoltà molte imprese che hanno visto azzerare i propri ricavi e ora – rileva Capone – non c’è più tempo per esitare nelle scelte. Occorre agire senza pensare che il debito sia un ostacolo al finanziamento di famiglie e imprese e scongiurare così il concreto rischio povertà.

Per tale ragione, l’Esecutivo predisponga immediatamente un piano che abbatta la pressione fiscale per tutti i cittadini e i settori produttivi. È questo il grido d’allarme che arriva dal Paese. Il Governo lo ascolti!”.