Coronavirus, Porchietto (FI): Cdp ruolo strategico post emergenza

430

Agenpress. “La Cassa depositi e prestiti sta diventando e diventera’ sempre piu’ strategica nel panorama del rilancio post coronavirus.

Il cda il 2 aprile si riunira’ per proporre di abbassare la soglia di azione sulle imprese che ad oggi e’ fissata sopra i 25 milioni di euro. La centralita’ della nostra cassaforte e la strategia futura su di essa devono essere condivise dal governo con le opposizioni, rivedendo in primis il ruolo della commissione mista di vigilanza sulla Cdp che dovra’ monitorare l’azione futura”.

Cosi’ la deputata Claudia Porchietto, responsabile del Dipartimento Attivita’ Produttive di Forza Italia. “La Cdp e’ in grado di operare con tempi rapidi e azioni mirate, meglio di altri strumenti oggi a disposizione, ma non dimentichiamo che parliamo dei risparmi degli italiani e non possiamo sbagliare il colpo”.

Porchietto inoltre aggiunge che mai come oggi “e’ necessario che la commissione vigili attentamente”. “Pertanto chiediamo un ampliamento dei componenti e dell’azione in capo ad essa – conclude -. Giova ricordare che Cdp ha aperto sedi a Napoli, Genova, Torino, Verona. Citta’ e Regioni dove il risparmio raccolto dalle Poste dal dopo guerra ad oggi rappresenta la storia della Cdp.

Ora l’ad Palermo deve riqualificare il piano industriale e restituire direttamente alle aziende, e senza intermediari, le risorse per riaprire il Made in Italy. A partire dalla mia regione, il Piemonte, chiedero’ al presidente Cirio di convocare una riunione con la Cdp per riscrivere il piano competitivita’ coinvolgendo in modo attivo la Cassa”.