Coronavirus. Conte. “Siamo vicini al picco. Arriverà il tempo di interrogarsi sugli errori commessi”

560

Agenpress – “Siamo nella fase più acuta” dell’emergenza. “E’ difficile fare previsioni. Gli esperti sono ancora cauti, ma è ragionevole pensare che siamo vicini al picco. Sabato abbiamo superato le 10mila vittime e questo ci fa molto male e dovrebbe allertare la comunità internazionale”.

Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in un’intervista a El Pais.

Sul fronte delle restrizioni, il premier ha definito “prematuro” dire quando saranno allentate, ma ciò dovrà avvenire “in modo molto graduale” nel momento in cui il comitato scientifico riterrà che la curva dei contagi ha iniziato a scendere. “Sarebbe stato un errore introdurre immediatamente una chiusura totale del Paese. Inoltre, è impossibile assumere un impatto economico di questo livello troppo prolungato. Dovrebbe essere fatto gradualmente – ha aggiunto il premier – Quando abbiamo visto che il contagio era diffuso, le misure di restrizione che avevamo adottato in Lombardia sono state assunte da tutto il Paese. Questo fino a quando abbiamo capito che era necessario essere più radicali e abbiamo imposto la chiusura di attività non essenziali. Ma, insisto, sono misure che devono essere graduali”.

Il blocco delle attività produttive non essenziali, ha proseguito Conte, “è una misura molto dura economicamente. È l’ultima che abbiamo preso e non può essere prolungata troppo a lungo“. Diverso il ragionamento “per le scuole e le università“, tuttavia – ha aggiunto Conte – “si può provare ad introdurre delle modifiche“.

Le proposte dell’Italia? “L’ho chiamato piano europeo di ripresa e reinvestimento”, prosegue Conte.” Un modo per sostenere l’intera economia europea. Il problema non e’ quando uscire da questa recessione, ma uscire al piu’ presto. Il tempismo è la chiave, c’è la massima urgenza. Non penso a uno strumento particolare, possiamo ricorrere a un’ampia varietà. Ma è tempo di introdurre uno strumento di debito europeo comune che ci consenta di superare questa guerra il più presto possibile e rilanciare l’economia”.

Il rischio che l’emergenza coronavirus dia linfa all’anti-europeismo in Paesi come in Italia “e’ evidente. Gli istinti nazionalisti, in Italia ma anche in altri Paesi, saranno molto forti se l’Ue non sarà all’altezza”, dice ancora Conte, ribadendo che lavora per un’Europa più sociale e avvertendo: “il numero di disoccupati che si avrà dopo questo tsunami sarà molto alto. Dobbiamo poter avvivare a capo di una ricostruzione prima che cio’ avvenga”.

Su come è stata gestita  l’emergenza in Italia, Conte ha detto che arriverà il tempo di interrogarsi sugli errori commessi e sarà giusto che tutti diano la loro opinione. In Italia c’è un gran dibattito ma mai ho ascoltato una soluzione alternativa che abbia avuto una Base concreta o un vero appoggio. Se io tornassi indietro farei tutto allo stesso modo. Ora è il momento dell’azione e della responsabilità, poi verrà il tempo del fare i conti e delle critiche”.

Ora è il momento dell’azione e della responsabilità, poi verrà il tempo del fare i conti e delle critiche”. In questi giorni di delicate trattative sui tavoli di Bruxelles, Conte ha risposto anche a domande sui rapporti con i partner europei. Chi si oppone in Ue alle richieste italiane, ha detto il premier, “ragiona con una mentalità vecchia, con un’ottica inadeguata a questa crisi, che è simmetrica ed eccezionale”. “In questo momento – dice Conte – in Europa si gioca una partita storica. Non è una crisi economica che ha toccato alcuni paesi meno virtuosi di altri. Non c’è distinzione che ha a che fare con i sistemi finanziari. Questa è una crisi sanitaria che ha finito per esplodere in campo economico e sociale. È una sfida storica per l’intera Europa. E spero davvero, con un forte spirito europeo, che sappia affrontare questa situazione. Stiamo limitando i diritti costituzionali dei nostri cittadini e l’Europa deve reagire evitando tragici errori“.