Coronavirus. Gentiloni, sui coronabond “rischia di tramontare il progetto europeo”

377

Una condivisione del debito generica non passerà mai in europa, bisogna finalizzarla a una ‘missione’ precisa

Agenpress – La pandemia mette in crisi l’Europa non solo dal punto di vista sanitario, sociale ed economico ma anche sul piano più strettamente politico.Il commissario europeo agli Affari economici Paolo Gentiloni è intervenuto a Radio Capital.

“Il progetto europeo rischia di tramontare, non solo quello della grande Europa federale. E’ chiaro che se la divergenza economica tra i Paesi europei, invece di ridursi di fronte a una crisi come questa, aumenta e la crisi diventa fattore di aumento delle differenze tra i vai Paesi europei, sarà molto difficile tenere insieme il progetto europeo.

Ma io sono fiducioso che una via di condivisione alla fine si possa trovare e penso che bisogna farlo inevitabilmente in un dialogo con la Germania, senza il quale non riusciamo a trovare un compromesso”, ha detto Gentiloni, E proprio in riferimento alla Germania aggiunge “credo che bisogna ancora scommettere sul fatto che, alla fine, da parte della Germania, si arrivi a una comprensione della situazione nuova.

Mi aspettavo questa divisione, ed è una visione antica che conosciamo a memoria”. Secondo il commissario europeo agli Affari economici la crisi precedente ha prodotto chiavi di lettura che hanno penalizzato la dinamica tra gli Stati europei, “veniamo da anni di contrapposizioni. Il punto è che questa discussione, che è assolutamente legittima, non è adeguata alla situazione che stiamo vivendo. Bisogna fare tutti gli sforzi perchè lo stallo sia superato”.

Quindi esorta a fare passi in avanti attraverso l’individuazione di obiettivi comuni “nell’ integrazione europea o io trovo bizzarro che le stesse persone che hanno fatto le barricate in questi anni, ora lamentino l’assenza dell’Europa. Penso che questa divisione possa essere superata in un modo: partiamo dagli obiettivi comuni”.

Nel concreto, sui coronabond o eurobond Gentiloni individua un vulnus: l’emissione di bond “genericamente per mutualizzare il debito non verrà mai accettata”, quindi bisogna finalizzarla ad una “missione”, che può essere quella di finanziare gli obiettivi comuni come “affrontare l’emergenza sanitaria”, creare “un nuovo strumento di garanzia per la disoccupazione e un piano per il sostegno alle imprese”.