Fase 2, Fapi: “Serve riforma fiscale, Stato sia alleato imprese”

325

Agenpress. “La ripresa economica e produttiva dipende dal Governo, a cui rivolgiamo l’invito a compiere scelte coraggiose prima che sia troppo tardi, evitando di far cadere il Paese nelle mani degli speculatori internazionali. Artigiani, commercianti e piccoli imprenditori vanno aiutati non con piccoli bonus, ma con il varo di riforme strutturali a partire da quella del fisco”.

Lo dichiara, in una nota, il presidente nazionale della Fapi (Federazione autonoma piccole imprese), Gino Sciotto.

“Chiediamo al premier Conte – spiega Sciotto – di realizzare una riforma fiscale ispirata ai principi di semplicità, progressività, riduzione del carico fiscale sul lavoro e l’impresa, digitalizzazione e contrasto all’evasione fiscale, potremmo guardare al futuro con rinnovata speranza. E’ evidente che qualora tali misure dovessero trovare attuazione a giovarne sarebbero innanzitutto le imprese, che potrebbero programmare nuovi investimenti e aiutare l’incremento occupazionale”.

“La crisi che stiamo vivendo è di vaste proporzioni, e non si attenuerà fin quando non si avrà consapevolezza che lo Stato deve essere amico ed alleato delle imprese, che producono reddito e muovono l’economia”, conclude Sciotto.