Ue, Dreosto (Lega): per la Von der Leyen il Vajont si trova in Veneto, assurdo

559

AgenPress. “L’Ue bocciata in storia e geografia: secondo la Presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen il disastro del Vajont è accaduto in Veneto.

Nemmeno l’ombra del Friuli Venezia Giulia nelle parole della Von der Leyen quando si riferisce ai progetti di mitigazione del dissesto cofinanziati da Bruxelles in quest’area.

Eppure è a Erto e Casso, in Friuli Venezia Giulia, che si trovano materialmente la diga, il bacino idroelettrico e l’immensa frana che la notte del 9 ottobre 1963 si staccò dal monte Toc e provocò la morte di duemila persone. Altra dimostrazione di quanto interesse abbia Bruxelles per l’Italia: quando si tratta di parlare del nostro Paese, non sono in grado neppure di consultare Wikipedia.

Avevo presentato un’interrogazione per segnalare che in quasi 57 anni nessuna autorità comunitaria si è mai degnata di visitare i luoghi della tragedia. Mentre il Presidente David Sassoli ha confermato una sua trasferta alla diga, la collega della Commissione ha risposto che ‘il modo migliore per esprimere solidarietà sono i 45 milioni versati dal Fers contro il rischio idrogeologico in Veneto’.

Sono allibito: sulla stessa linea d’onda il Governatore del Friuli Venezia GIulia e componente del Comitato delle Regioni Massimiliano Fedriga, che manifesta sconcerto e stupore per la superficialità con cui i vertici europei trattano tematiche così importanti. La Commissione se ne stia pure a casa, se deve darci queste lezioni di arroganza e di profonda ignoranza, senza ovviamente nulla togliere ai morti e ai danni incalcolabili che hanno subito i fratelli veneti”.

Così in una nota Marco Dreosto, europarlamentare friulano della Lega, il cui intervento era stato sottoscritto dalla collega friulana Elena Lizzi e decine di eurodeputati di ogni schieramento.