Vaccino. Nel mondo 58 studi clinici in corso. Locatelli, non è possibile fare scommesse sui tempi

564
Il presidente del Consiglio Superiore di Sanità (Css) Franco Locatelli

AgenPress – Sono 58 gli studi in corso sui vaccini anti COVID-19 nel mondo, di cui 7 arrivati alla fase 3, mentre per le terapie sono 1836, e in questo caso ha raggiunto la fase 3 il 16%. Sono 63 gli studi interventistici condotti in Italia (45 autorizzati dall’AIFA), di cui il 92% con uno scopo terapeutico e l’8% con uno scopo preventivo. Sono alcuni dei dati presentati nella nuova infografica prodotta dal Gruppo di lavoro “Trial Clinici” dell’ISS, aggiornata al 14 settembre, che in questo numero, si arricchisce della descrizione dello studio del vaccino italiano GRAd-COV2.

“Non è possibile fare scommesse sui tempi del vaccino anti Covid-19”, ha dettoil presidente del Consiglio Superiore di Sanità (Css), Franco Locatelli  in merito alla possibilità, annunciata dall’azienda Irbm, che le prime dosi del vaccino anti-Covid possano essere disponibili già da novembre, se i test saranno positivi. “Anche le affermazioni fatte sui media dicono che dobbiamo ancora aspettare i dati che arriveranno dalle prossime analisi dei test effettuati prima di poterci sbilanciare in questa direzione. Sono realista”, ha rilevato Locatelli, che fa parte del Comitato tecnico scientifico (Cts) sull’emergenza Covid .

“Più che fare scommesse sui tempi del vaccino  vorrei sottolineare che, anche se la rapidità è un aspetto importante in una situazione come questa, ancora più importanti sono la sicurezza d’uso e l’efficacia. Più che arrivare velocemente è importante arrivare bene”.