Aquila. Cresce la paura nel carcere. Diversi poliziotti penitenziari positivi al COVID

CGIL e FP CGIL: intervenga immediatamente il Direttore Generale ASL Roberto Testa. È inaccettabile che i lavoratori debbano effettuare tamponi a pagamento .

460

AgenPress – Si stanno registrando, ormai da giorni, diverse positività da contagio COVID, presso la Casa Circondariale dell’Aquila.

A darne rammarica notizia *sono Francesco MARRELLI Segreterio Generale della Camera del Lavoro CGIL L’Aquila e Giuseppe MEROLA della FP CGIL Abruzzo Molise* che, già in data 20 ottobre, ebbero ad inviare una diffida agli Organi sanitari ed istituzionali, affinché venissero effettuate attività di screening a favore dei lavoratori e delle lavoratrici , visto che altrettanto venti sono in isolamento fiduciario.

Nonostante le rassicurazioni pervenute dall’Assessorato alla Salute della Regione Abruzzo – *continuano i sindacalisti* – non sono stati avviati ancora protocolli di prevenzione, anzi i lavoratori stanno effettuando, in autotutela, tamponi a pagamento presso centri convenzionati.

È del tutto inaccettabile e fuori luogo – *chiosano senza mezzi termini  MARRELLI e MEROLA* – e noi daremo battaglia a questo scempio.

Pur apprezzando gli interventi e le interlocuzioni con la Direzione e Comando dell’Istituto Penitenziario aquilano, i nostri lavoratori rivendicano un senso di abbandono da parte delle Autorità Sanitarie locali e noi presenteremo, a mezzo Uffici Legali, un esposto alla Procura della Repubblica.

In questo periodo storico così preoccupante, vista anche l’escalation delle positività accertate in Abruzzo e nell’intero Paese, i i nostri lavoratori e le nostre lavoratrici hanno diritto ad una sacrosanta tutela, considerata anche le già ataviche precarietà oggettive ed ambientali delle carceri – *concludono con un forte  grido di allarme* –  e pertanto il Direttore Generale ASL Roberto Testa avvii un impellente intervento accertativo.