27 bambini ucraini portati illegalmente in Russia sono stati affidati a famiglie vicino Mosca

- Advertisement -
AgenPress – Gli invasori russi hanno affidato alle famiglie di Aprelivka, vicino a Mosca, 27 orfani portati illegalmente fuori dall’Ucraina. 
Al momento non ci sono informazioni sul fatto che tali bambini abbiano lo status di orfani o rapiti ai genitori e se i bambini abbiano parenti che vogliono portarli alle loro famiglie.

Lo riporta Ukrinform. Il commissario per i diritti umani della Verkhovna Rada Lyudmila Denisova ha detto che “i bambini razzisti organizzano il rapimento dei bambini in Ucraina”.

“Dai media dell’aggressore si è saputo dei fatti di trasferimento illegale di 27 orfani ad Aprelivka vicino a Mosca. Sono stati trasferiti in cure temporanee per un massimo di dieci famiglie locali”.

- Advertisement -

Il difensore civico ha anche osservato che non erano note anche le condizioni di soggiorno dei bambini, lo stato di salute e se l’opinione dei bambini fosse stata presa in considerazione al momento del loro inserimento in tali famiglie.

Denisova ha sottolineato che “l’allontanamento di bambini ucraini dalla Russia è un crimine che rientra nella definizione di tratta di esseri umani secondo il diritto internazionale”.

“Le azioni degli occupanti violano l’obbligo dello Stato di garantire i diritti dei bambini nei conflitti armati ai sensi dell’articolo 38 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia e dell’articolo 49 della Convenzione di Ginevra relativa alla protezione delle persone civili in tempo di guerra, che vieta il trasferimento forzato o l’espulsione”, – ha affermato l’assessore.

- Advertisement -

Denisova ha invitato la Commissione delle Nazioni Unite a indagare sulle violazioni dei diritti umani durante l’invasione militare russa dell’Ucraina per tenere conto di questi fatti.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati